Dalla Fondazione Crc erogazioni per 22 milioni
Il Consiglio generale della Fondazione Cassa di Risparmio di Cuneo ha approvato il bilancio 2016. Quest'anno saranno destinati 22 milioni di euro all'attività progettuale ed erogativa che la Fondazione Crc sviluppa sul territorio della provinc...
 
Terzo settore: le tre vere sfide del Non profit
La riforma del Terzo settore varata dal governo nel 2016 si sta definitivamente concretizzando. La domanda, allora, s’impone: dove va il Terzo settore? Quali sono le sfide che questa corposa macchina ha di fronte nel percorso dei prossimi anni? Fra le principali, sembrano emergerne tre | Andrea Di Turi, Avvenire.it, 22 marzo 2017
 
Cercasi manager di comunità
Le richieste per i cosiddetti community manager, host o operatori di comunità vanno aumentando. Eppure anche per un lavoratore sociale con buona esperienza non è proprio una passeggiata aggiornare il curriculum per rispondere a questo nuovo genere di chiamate, che richiedono lo svolgimento di un gran numero di funzioni. Per questo ai community manager servirebbe una scuola: un percorso che aiuti persone diverse a “tirar fuori” quelle competenze soft che spesso vengono esercitate in modo informale e discontinuo. | Flaviano Zandonai, La Nuvola del Lavoro, 18 marzo 2017
 
Appunti per una definizione di "Welfare culturale"
Il termine "welfare culturale" sta acquistando una certa popolarità nel dibattito italiano sulle politiche culturali, che sembra avere sempre bisogno di parole chiave da utilizzare come passepartout comunicativi, ma che non sempre esprime una sufficiente attenzione verso il loro senso e soprattutto i loro presupposti concettuali. Nel caso del welfare culturale, questo pericolo è particolarmente serio. L’accostamento tra welfare e cultura è sicuramente accattivante, ma un uso troppo disinvolto di questa terminologia può facilmente finire per svuotarla di senso, depotenziando così una sfera di azione che al contrario può acquistare grande significato nelle politiche future, culturali e non solo, a livello italiano, europeo e globale.
 
Guzzetti: «Un welfare da ripensare. Al centro i bisogni sociali»
"Dobbiamo riprogettare il sistema del welfare italiano e le parole chiave devono essere: comunità, innovazione, coesione sociale". A dirlo, e non certo da poco, è Giuseppe Guzzetti, da vent’anni Presidente di Fondazione Cariplo. In una bella intervista al Corriere della Sera, Guzzetti ha raccontato come la "sua" Fondazione in oltre 25 anni di attività non si sia limitata a sostenere progetti e erogare risorse (circa 3 miliardi di euro dal 1991) ma sperimentare "strade nuove per rispondere alle domande di aiuto sempre più numerose e diversificate". | Elisabetta Soglio, Corriere della Sera, 12 marzo 2017
 
Se la rivoluzione del welfare parte dal quartiere
Snodi nevralgici per la partecipazione delle persone. È così che si presentano i Punti di Comunità, dodici spazi aperti in quartieri diversi di Brescia, dove le associazioni locali si riuniscono per offrire informazioni ai cittadini. Attivati nell’ambito del progetto “Brescia città del noi”, sostenuto dal bando “Welfare di comunità” di Fondazione Cariplo, i punti di comunità rappresentano una vera rivoluzione nell’accesso ai servizi da parte dei cittadini | Vita, 5 marzo 2017
 
La necessità di tutelare le mutue in Europa
Il mutualismo, che a livello europeo offre servizi sociali e sanitari a 230 milioni di cittadini con 180 miliardi di euro di quote assocative, è una realtà ancora non pienamente riconosciuta a livello normativo. L'onorevole Patrizia Toi...
 
Strategie di corporate philanthropy: competenze core al servizio della comunità
Fondazione Lang ha intervistato Giovanna Bottani, Responsabile Operativo della STMicroelectronics Foundation, cioè la fondazione d’impresa di STMicroelectronics, società di semiconduttori operante sul mercato mondiale. La Fondazione è nata nel 2001 con l’obiettivo di sostenere progetti che diffondano l’uso delle conoscenze informatiche. Al centro dell’intervista le logiche che guidano l’approccio filantropico della Fondazione, che ha deciso di far leva sugli asset chiave di STMicroelectronics creando un modello peculiare di corporate philanthropy.
 
Forma e sembianze dei community hub
Alcuni concetti d'innovazione sociale sono diventati precocemente logori. Per questa ragione alcuni esperti del settore hanno pensato di proporre una riflessione approfondita su alcuni di essi. Per iniziare, su CheFare, Francesca Battistoni e Flaviano Zandonai hanno trattato approfonditamente di Community Hub. Una lettura interessante per cogliere le peculiarità di questa infrastruttura sociale nelle diverse forme e sembianze assunte in questi anni di vita. | Francesca Battistoni e Flaviano Zandonai, CheFare, 14 febbraio 2017
 
La scuola riparte in alleanza con il terzo settore
Un paese che vuole superare la crisi in cui è impantanato ormai da anni non può che ripartire dall'educazione dei cittadini di domani. Solo affrontando la povertà educativa è possibile realizzare una scuola e un paese migliori. Ma cosa significa davvero povertà educativa? Come possiamo contrastarla? | Marco Chiesara, Huffington Post, 13 febbraio 2017
 
Aumentare l'efficacia delle fondazioni: la filantropia che mette al centro dati e relazione
Il Centro Studi Lang ha intervistato Kevin Bolduc, Vice President – Assessment & Advisory Services del CEP-Center for Effective Philanthropy, che analizza come le fondazioni stiano operando per aumentare il proprio impatto sociale attraverso la valutazione della propria organizzazione e del lavoro con gli stakeholder.
 
L'impegno delle fondazioni filantropiche di comunità sugli SDGs
Negli stessi giorni in cui a Nairobi si è tenuto un ennesimo meeting sull’efficacia di un sistema tradizionale di aiuti allo sviluppo che continua a dimostrare obsolescenza e incapacità di affrontare in modo innovativo la complessità dei problemi delle diseguaglianze tra paesi e all’interno dei paesi, dei diversi tipi di povertà, di uno sviluppo sostenibile in ogni senso, a Johannesburg (1-2 dicembre 2016) si è svolto il primo Summit mondiale della Filantropia di comunità | Carola Carazzone, Asvis.it, 26 gennaio 2017
 
Una domanda sul welfare: ne vale la pena?
Il libro "Ne vale la pena? Misurare il ritorno sociale degli investimenti per un welfare migliore" a cura di professionisti Deloitte, presenta un modello pratico per quantificare il valore degli interventi sociali analizzandone sia gli effetti finanziari che gli effetti sul welfare dei cittadini, che non possono essere studiati direttamente nei rendiconti.
 
Un nuovo percorso educativo per gli studenti delle scuole superiori
In occasione dell’avvio dell’anno scolastico 2016/17, il Forum ANIA-Consumatori ha presentato un nuovo progetto di educazione assicurativa per gli studenti delle scuole superiori.
 
Guerini: il welfare aziendale? Una questione di bene comune
Secondo Giuseppe Guerini, portavoce dell’Alleanza delle cooperative italiane, le nuove misure annunciate dal Governo in Legge di Stabilità in tema di sostegno al welfare aziendale integrativo sono "un’occasione storica anche per il Terzo settore e per le imprese sociali". | Vita, 21 settembre 2016
 
La condanna del carcere: 7 su 10 ritornano dentro. Ma c'è chi va controtendenza.
Scontano le pena, delinquono e vengono arrestate di nuovo, in una giostra senza fine che riguarda a rotazione circa duecentomila uomini e donne in Italia, 54mila dei quali sono oggi dietro le sbarre. Un fallimento, quello delle carceri italiane, che costa alla collettività tra i tre e i quattro miliardi l’anno. Eppure all'interno del sistema le esperienze in controtendenza ci sono. | Andrea Malaguti, La Stampa, 19 settembre 2016.
 
I bambini e l’affido. Le famiglie della «Cometa» tra scuola, sport e lavoro
La Cometa di Como è tante cose: sono famiglie che vivono insieme accogliendo, con l’affido o l’adozione, bambini in difficoltà e altre intorno che non abitano nello stesso posto ma condividono la missione e il percorso. L'opera ad oggi coinvolge 60 famiglie, conta su 420 fra collaboratori, operatori e volontari e segue oggi più di 700 bambini e ragazzi. | Elisabetta Soglio, Corriere della Sera, 6 settembre 2016
 
Eredi per caso, boom di testamenti solidali
Le statistiche parlano chiaro: negli ultimi dieci anni, nonostante la crisi, l’aumento dei testamenti solidali è stato del 15 per cento per un totale stimato di un milione e mezzo di italiani. Un tempo patrimonio quasi esclusivo delle istituzioni religiose, le opere filantropiche (post mortem) stanno diventando una bella "moda". | Francesco Olivio, La Stampa, 2 agosto 2016
 
Dalle Fondazioni 49 milioni in quattro anni per le startup
Le startup giocano un ruolo primario nell’attività delle fondazioni di impresa per i giovani. Il dato emerge dall’ultima indagine realizzata dall’Istituto per la Ricerca Sociale e promossa da Fondazione Bracco in collaborazione con alcune delle principali fondazioni di impresa attive in Italia.
 
Impresa sociale, come stai? I dati dell’Osservatorio Isnet
Il 12 luglio a Roma, presso la sala stampa della Camera dei Deputati, è stata presentata l’anteprima dei dati della X edizione dell’Osservatorio Isnet sull’impresa sociale in Italia. Isnet ha interrogato il proprio panel comp...
 

 
Pagina 1 2 3 4 5 6 7 8