Così il confronto Forum-Governo sulla Riforma del Terzo settore
Si chiudono oggi le consultazioni sulla riforma del terzo settore. Ieri mattina a Roma di è svolto l’incontro sulle linee giuda indicate dal governo e promosso dal Forum Nazionale del Terzo Settore con l’Intergruppo parlamentare del Terzo Settore.
 
Quale abitare per le persone fragili? Ipotesi per programmare il domani
I grandi cambiamenti demografici in atto nella nostra società, legati in particolare al progressivo invecchiamento della popolazione, stanno dimostrando l’insufficienza e l’inadeguatezza di molte delle risposte finora strutturate dal nostro sistema di welfare, sia a livello pubblico che privato. Fondazione Cariplo ha cercato di approfondire questo tema nel corso del convegno "Quale abitare per le persone fragili? Due ipotesi per programmare il domani" durante il quale sono stati presentate presentate due ricerche per cominciare a ragionarci in una logica di programmazione di lungo periodo.
 
Milano: le Dame della Carità di San Vincenzo de' Paoli
Dal 1857 a Milano opera la "Compagnia delle Dame della Carità di San Vincenzo de' Paoli", realtà associativa creata per rispondere ai bisogni dei più poveri in quelli che un tempo erano i quartieri più disagiati del capoluogo lombardo. L’associazione, oggi nota in città come “Gruppi di Volontariato Vincenziano”, in oltre un secolo e mezzo di storia si è sempre dimostrata capace di comprendere efficacemente le necessità sociali delle diverse aree della metropoli lombarda, creando risposte coerenti ed efficaci ai bisogni delle fasce più deboli della popolazione milanese. Oggi però, di fronte ai grandi sconvolgimenti generati dalla crisi economica, quali sono i cambiamenti necessari affinché questa realtà possa continuare a perseguire efficacemente la propria missione?
 
Il mondo del carcere raccontato dai volontari
Il 28 maggio è scaduto il termine che la Corte Europea dei diritti dell’uomo ha dato all’Italia per porre rimedio alle condizioni inumane in cui versano le carceri del paese. La “questione delle carceri”, per molto tempo messa da parte, ha cominciato infatti solo negli ultimi tempi ad acquisire visibilità. Per supportare i detenuti, ma anche le loro famiglie, l’associazione Per Ricominciare di Parma lavora da anni presso l’istituto penitenziario locale, dove gestisce anche un Laboratorio Gioco per i figli dei carcerati. Abbiamo incontrato la presidente dell’associazione, Emilia Agostini Zaccomer, che ci ha spiegato come opera l’associazione e ci ha raccontato problemi e speranze di questa realtà.
 
Pillole di innovazione sociale per provare a curare il welfare
Nelle ultime settimane alcune fondazioni di origine bancaria hanno pubblicato bandi con cui si sono impegnate a sostenere, economicamente e strategicamente, quelle realtà che sui territori vorranno dar vita a progetti caratterizzati da un alto tasso di innovazione sociale. Di fronte a questa scelta interessante abbiamo scelto di ri-segnalare alcune delle esperienze di cui ci siamo occupati e che a nostro avviso possono rappresentare spunti di riflessione importanti per lo sviluppo e l’implementazione di progettualità innovative.
 
È l’ora del Welfare solidale
Matteo Renzi lancia le linee guida per la riforma del terzo settore e avvia la consultazione per i cittadini: “Esiste un’Italia generosa e laboriosa, la chiamano terzo settore, ma in realtà è il primo”. Adesso un mese di discussione aperta, poi l'avvio delle riforme vere e proprie. La consultazione “sarà aperta dal 13 maggio al 13 giugno attraverso una mail dedicata: terzosettorelavoltabuona@lavoro.gov.it. | Paolo Baroni, La Stampa, 13 maggio 2014
 
Governo chiama terzo settore: via alle consultazioni
Il presidente del Consiglio Matteo Renzi ha pubblicato su Twitter un documento di sintesi per la riforma del terzo settore, che porterà ad un disegno di legge delega che sarà approvato dal Consiglio dei ministri il 27 giugno, secondo quanto già anticipato il mese scorso a Lucca in occasione del Festival del Volontariato. Fino al 13 giugno è aperta la consultazione con terzo settore, stakeholders e cittadini, che potranno inviare suggerimenti e opinioni all’indirizzo terzosettorelavoltabuona@lavoro.gov.it.
 
ACRI: varate le linee guida per le Fondazioni
L'assemblea annuale dell'Acri, L'Associazione delle Fondazioni e Casse di Risparimo, ha approvato le linee programmatiche comuni per rendere sempre più efficace l'intervento delle Fondazioni di origine bancaria sul fronte del welfare, settore a cui ogni anno gli enti destinano intorno al 30% delle loro erogazioni filantropiche. L'idea è quella di sviluppare forme innovative nel campo dell'assistenza sociale che, facendo leva sul principio di sussidiarietà, promuovano la formazione di un welfare di comunità, ovvero un welfare basato su una pluralità di soggetti, ma anche di soluzioni, in cui sostenibilità, equità, accesso e responsabilità si articolino in formati nuovi e trovino un baricentro essenziale nel territorio e nella comunità.
 
Cariplo si "sbilancia" sulle politiche sociali
Fondazione Cariplo ha presentato il Bilancio di missione 2013. I dati contenuti all’interno del documento confermano alcune delle tendenze che vi avevamo raccontato nel Primo Rapporto sul secondo welfare in Italia per quanto riguarda le Fondazioni di origine bancaria. Queste realtà appaiono infatti sempre più orientante allo sviluppo di progettualità innovative nell’ambito dei servizi alla persona, non solo attraverso lo stanziamento di crescenti risorse economiche ma anche, e soprattutto, attraverso il coinvolgimento delle altre realtà sociali e istituzionali presenti sui propri territori operativi.
 
I problemi delle carceri? Ecco come superarli
Per la prima volta tutti gli enti non profit che operano con i detenuti lanciano un appello alle autorità per risolvere la drammatica situazione delle nostre carceri, alle prese con un sovraffollamento quasi endemico che a breve provocherà un'ulteriore pesante condanna della Corte europea dei diritti dell'uomo. | Daniela Biella, Vita, 28 aprile 2014
 
Volontariato, il welfare della crisi
Cinque milioni di persone ogni giorno danno il loro aiuto a chi non riesce ad arrivare alla fine del mese. Un impegno essenziale in un paese messo in ginocchio dalla recessione e dai tagli alla spesa pubblica, dove la parte di popolazione sotto la soglia di povertà è in crescita. Solidarietà decisiva, ma resa sempre più difficile dalla riforma del 5 per mille.
 
Il non profit in Italia, tra sfide e opportunità
Il 16 aprile si è svolto a Roma il convegno “Il non profit in Italia. Quali sfide e quali opportunità per il Paese”, organizzato dall’Istat per discutere dei dati emersi nel corso del Censimento sulle Istituzioni non profit. L'evento ha visto la partecipazione di numerosissimi esponenti del terzo settore, del mondo accademico e delle istituzioni, chiamati a confrontarsi su diverse questioni legate allo sviluppo del non profit nel nostro Paese. Vi segnaliamo gli spunti più interessanti emersi nel corso della giornata di lavori.
 
TIMEREPUBLIK per il welfare pubblico e aziendale
Vi avevamo parlato di TIMEREPUBLIK, la piattaforma informatica fondata nel 2012 dall’idea di creare una Banca del Tempo on-line, globale e social. Oggi TIMEREPUBLIK ha allargato la rete di utenti, estendendo il proprio servizio - oltre ai singoli individui, alle associazioni e alle tradizionali Banche del Tempo - anche alle pubbliche amministrazioni e alle aziende private. Vi presentiamo i recenti sviluppi verso la realizzazione di uno strumento a sempre maggiore utilità sociale.
 
Festival del Volontariato, si tirano le somme
Il Festival del Volontariato, che si è tenuto a Lucca dal 10 al 13 aprile, quest'anno si è concentrato sul tema delle “energie da liberare”. Nel corso dell'evento sono state sottolineate più volte le potenzialità del volontariato quale leva per risollevare il Paese dalla crisi in cui si trova immerso. Un obiettivo ambizioso, che però richiede di liberare il settore dai condizionamenti e dagli ostacoli dovuti al riconoscimento non adeguato da parte delle istituzioni pubbliche e della società in generale.
 
L'espansione del terzo settore produce ricchezza in tempo di crisi
La notizia è buona e sorprendente: il terzo settore non solo ha resistito alla crisi, ma è cresciuto ed è più forte di prima. Lo dimostra uno studio che sarà presentato e discusso alla prima giornata del Festival nazionale del Volontariato di Lucca, una quattro giorni che raduna gli stati generali del terzo settore in Italia. | Marco Gasperetti e Luca Mattiucci, Corriere della Sera, 10 aprile 2014
 
Se anche a Cuneo il welfare diventa comunitario
I bandi presentati nelle ultime settimane da alcune fondazioni di origine bancaria sembrano aprire nuove strade attraverso cui, nei prossimi mesi, sarà possibile concepire, strutturare e realizzare nuove esperienze ed attività di secondo welfare. Dopo l’innovativo bando sociale presentato da Cariplo vi raccontiamo di “Cantiere Nuovo Welfare” lanciato da Fondazione Cassa di Risparmio di Cuneo, che si prefigge di sostenere iniziative promosse da soggetti del privato sociale volte a garantire lo sviluppo di servizi alla persona capaci di integrarsi con quelli garantiti dal settore pubblico.
 
Un Oscar per l'impresa sociale
Eataly, l’impresa fondata da Oscar Farinetti, cresce a ritmi vertiginosi aprendo negozi su negozi in Italia e nel mondo. La cosa interessante, sottolinea Flaviano Zandonai sul suo blog, è che il “motore” di questa realtà imprenditoriale è nonprofit. Eataly è infatti un’iniziativa che “industrializza” elementi di cultura e di servizio di un’associazione, Slowfood, che contiene chiari elementi di imprenditorialità sociale. | Flaviano Zandonai, Vita, 7 aprile 2014
 
Global Youth Service Day
Dall’11 al 13 aprile in più di 135 Paesi di tutto il mondo, si celebrerà il Global Youth Service Day, per valorizzare il contributo che giovani e bambini danno ogni giorno alle loro comunità e alla costruzione di un mondo migliore. Istituzioni, scuole, e associazioni che operano con i più giovani possono partecipare organizzando eventi e attività nelle loro città, mentre ragazzi e bambini possono aderire direttamente ai progetti attivi, che spaziano dall’ambiente alla salute, dalla solidarietà ai diritti umani.
 
Rapporto Caritas 2014: tra povertà inedite e nuovi poveri
Nonostante le numerose iniziative intraprese per sostenere i più fragili, negli ultimi mesi le strade per uscire dalle povertà si sono fatte gradualmente più ripide e tortuose per milioni di persone che vivono nel nostro Paese. E’ quanto emerge da "False partenze”, il Rapporto Caritas 2014 sulla povertà e l’esclusione sociale in Italia, realizzato sulla base delle informazioni raccolte dalle 220 Caritas diocesane presenti sul territorio nazionale.
 
L'Italia ai tempi del secondo welfare
In occasione della presentazione del nuovo bando sociale di Fondazione Cariplo, Francesco Manacorda riflette sul ruolo che il secondo welfare va assumendo all'interno del contesto italiano. Come dimsotra il Primo Rapporto sul secondo welfare in Italia, sono infatti sempre più numerose le esperienze di welfare non-pubblico provenienti da privati e organizzazioni non profit. | Francesco Manacorda, La Stampa, 31 marzo 2014
 

 
Pagina 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33