La prospettiva della «quarta via»
C’è addirittura una quarta via per l’impresa sociale in Italia? E' l'interrogativo che emerge scorrendo il testo della delega al governo per la riforma del Terzo settore che, nel suo articolato, prevede anche il riordino dell’istituto giuridico relativo a quelle imprese che perseguono obiettivi di “interesse generale”. | La prospettiva della «quarta via»
 
Filantropia: a Milano 800 delegati da tutto il mondo
Il summit della Global Alliance for the Future of Food e la XXVI Conferenza e Assemblea Generale Annuale del European Foundation Centre di Bruxelles sono i primi dei numerosi eventi che, sino a fine ottobre 2015, faranno di Milano la capitale mondiale della filantropia. In concomitanza con EXPO sono stati infatti organizzati diversi momenti di incontro da parte dei maggiori soggetti filantropici del mondo, che si incontreranno nel capoluogo lombardo per discutere il futuro della filantropia a livello globale.
 
La Corazzata Potemkin e gli investimenti ad impatto sociale
Giovanna Melandri su L'Huffington Post risponde a Vincenzo Manes, consigliere pro bono del Presidente del Consiglio per il Terzo settore, che sul Fatto Quotidiano del 16 maggio era intervenuto sull'iter della riforma e, in particolare, sulla definizione di "impresa sociale". La Melandri, che da quasi due anni coordina i lavori dell'Advisory Board italiano della Social Impact Investment Taskforce del G8, di certo non le ha mandate a dire, rispondendo punto su punto alle obiezioni sollevate da Manes in tema di impact investing.
 
Riforma del terzo settore, gli investimenti sociali sono trendy ma non è priorità
Sul Fatto Quotidiano Vincenzo Manes, consigliere pro bono del presidente del Consiglio per il terzo settore nonché presidente di fondazione Dynamo Camp e del gruppo Intek, interviene sulla Riforma del terzo settore e, in particoalre, sulla definizione di "impresa sociale". | Vincenzo Manes, Il Fatto Quotidiano, 16 maggio 2015
 
L'Agenzia delle Entrate pubblica le liste del 5x1000
Attraverso l'hashtag #fuorileliste il mondo non profit ha lanciato un tweet bombing che ha raccolto numerose adesioni e che, a quanto pare, in poche ore è riuscito a risolvere una questione che si protraeva ormai da 600 giorni. L'Agenzia delle Entrate, contrariamente alle nostre attese, ha risposto in maniera decisamente celere e in serata sono state pubblicate le agognate liste, necessarie alle realtà non profit per pianificare le proprie strategie per il futuro.
 
Perché il Terzo settore alza la voce con l'Agenzia delle Entrate
Sono trascorsi 600 giorni da quando i contribuenti italiani hanno deciso a quali enti non profit devolvere il proprio 5x1000 per l’anno 2013. Eppure ad oggi l’Agenzia delle Entrate non ha ancora reso nota la ripartizione delle somme tra le organizzazioni. Con l’hashtag #fuorileliste è così esploso il tweet bombing attraverso cui il Terzo Settore chiede risposte all’Agenzia delle Entrate.
 
Filantropia tradizione persa? Le esperienze delle fondazioni comunitarie dicono di no
Sul sito di Fondazione Cariplo sono disponibili alcune "pillole" che spiegano cosa fanno quotidianamente le fondazioni comunitarie. Raconti che dimostra come i filantropi non solo esistono ancora, ma sono principlamente persone qualunque, imprenditori, fondazioni, famiglie e gruppi impegnati, semplicemente, nel sostegno della propria comunità.
 
Italiani generosi, anche da morti: il testamento solidale per il welfare comunitario
Dal 2004 al 2014 il numero di italiani che hanno deciso di lasciare la propria eredità ad idee, luoghi, progetti ed organizzazioni che operano per lo sviluppo del bene comune è cresciuto di circa il 15%. Tuttavia, appena 2 over 55 su 10 ha fatto o pensa di fare testamento. È in quest’ottica che a Napoli la Fondazione di Comunità del Centro Storico di Napoli, in collaborazione con i notai del capoluogo campano, ha lanciato un progetto per sensibilizzare il ricorso al testamento solidale.
 
Fondazione CRC: il futuro si costruisce a suon di cinguettii
Utilizzando l’hashtag #lafondazionechevorrei, chiunque attraverso Twitter potrà proporre le proprie priorità per definire l’azione futura della Fondazione CRC, impegnata nella stesura del Piano Programmatico Pluriennale 2016-2018. I suggerimenti, che potranno essere cinguettati fino al prossimo 22 maggio, verranno raccolti, sistematizzati e proposti al Consiglio Generale nella riunione del 25 maggio prossimo.
 
Google per il non profit arriva in Italia
Sono diverse decine di migliaia le istituzioni non profit attive in Italia, riflesso di un settore che sta diventando sempre più rilevante per lo sviluppo sociale, oltre che economico, del nostro Paese. Anche per loro, il web è diventato una piattaforma essenziale di visibilità e di relazione con volontari e sostenitori. Per questo Google annuncia l’arrivo in Italia dei suoi servizi per il non profit. In collaborazione con TechSoup Italia (programma internazionale di donazione di tecnologia per il terzo settore) a partire da oggi le organizzazioni non profit italiane, in possesso dei requisiti di idoneità, potranno avere accesso gratuito ad una suite di strumenti e tecnologie di Google.
 
Cascina Triulza e l’energia diffusa del Terzo Settore
A Milano esiste ormai una vera e propria casa del volontariato. Si chiama Cascina Triulza. Si trova a Expo 2015 dove, per la prima volta nella storia delle esposizioni universali, un intero padiglione è stato dedicato alla società civile. La Cascina è gestita dall'omonima Fondazione, che racchiude al suo interno ben 63 sigle del privato sociale, e che ha scelto uno slogan molto significativo per riuassumere il fitto programma di iniziative che si svolgeranno nei prossimi sei mesi: «Energie per cambiare il mondo». | Luca Mattiucci, Corriere della Sera, 21 aprile 2015.
 
Cooperative e lavoro, i risparmi per lo Stato
Nel mondo del non profit è ormai un ritornello. Il Comune tagliando sui servizi pensa di ridurre la spesa, è la constatazione amara di tante organizzazioni , ma se solo sapesse quanto gli facciamo risparmiare noi... Ecco, appunto: quanto? Perché se è vero che spendere per il sociale è un investimento, è ora di capire che valore ha, in termini brutalmente economici, l’opera nel welfare del Terzo settore. | Luca Liverani, Avvenire, 18 aprile 2015
 
Le Fondazioni di Comunità: le case della filantropia
Su Il Giornale delle Fondazioni Neve Mazzoleni affronta il tema delle fondazioni comunitarie citando, tra gli altri, anche il capitolo Le fondazioni di comunità: una nuova declinazione della filantropia, pubblicato all'interno del Primo Rapporto sul Secondo Welfare in Italia.
 
In Valtellina il progetto "Più, più, più" contro le povertà
Continua il nostro percorso alla scoperta dei sette progetti vincitori dell’edizione 2014 del bando Welfare in Azione di Cariplo. La nostra voglia di approfondire queste progettualità, che incarnano perfettamente l’idea di secondo welfare, ci porta oggi in Valtellina, nella provincia di Sondrio. Qui è stato sviluppato “Più, più, più”, progetto triennale promosso dal Consorzio Sol.Co, la Cooperativa Sociale Intrecci, il Centro Servizi LAVOPS e l’Ufficio di Piano di Sondrio per sviluppare azioni di sostegno per i soggetti più vulnerabili del territorio.
 
Riforma terzo settore, tra vizi e virtù
La Camera dei Deputati ha approvato il disegno di legge delega per la riforma del Terzo Settore, con 297 sì, 121 no e 50 astensioni. Un passaggio importante, considerato che il mondo del non profit rappresenta il 4% del Pil. Tra commenti favorevoli e critiche, il testo passerà ora all'esame del Senato. Quali sono le questioni aperte? Quali correzioni si attendono? Riassumiamo gli argomenti principali del dibattito in corso.
 
Guzzetti:«Così il credito può diventare impegno sociale»
Nel tempo dell’economia condivisa la figura dell’investitore socialmente responsabile comincia a essere centrale. La fisionomia di questi soggetti appare sempre più sovrapponibile a quella delle Fondazioni bancarie, che proprio di recente hanno siglato un accordo con il ministero dell’Economia e delle Finanze che definisce il loro ruolo all’interno non solo del settore di appartenenza ma soprattutto in vista del nuovo welfare. L'intervista di Nicola Saldutti a Giuseppe Guzzetti, Presidente di ACRI e Fondazione Cariplo.
 
Colonia Agricola: l’impresa sociale bio che muove l'economia
In Provincia di Treviso il progetto “Colonia Agricola” sviluppa percorsi terapeutici, riabilitativi e di integrazione sociale, valorizzando le risorse agricole e ambientali del territorio e creando posti di lavoro. Si tratta di un’impresa di bioagricoltura “sociale” dove la forza lavoro impiegata è costituita da persone in carico a istituzioni e/o servizi socio-sanitari locali. Una vera e propria colonia dove si coltivano prodotti biologici ed è possibile trovare una piccola fattoria sociale, una bottega agricola e un ristorante/caffatteria.
 
Una mutualità territoriale dedicata, per chi non ne ha
La Fondazione Welfare Ambrosiano ha presentato un progetto innovativo di welfare sanitario integrativo dedicato persone e famiglie in condizioni di vulnerabilità che vivono nell'area della Città Metropolitana di MIlano. Il target del piano è triplice sia sotto il profilo dei destinatari che dal punto di vista dei servizi inclusi: prevenzione odontoiatrica e igiene dentale per i minori tra i 6 e gli 11 anni, prevenzione oncologica per le donne a partire dai 25 anni, assistenza domiciliare per gli anziani fino ai 75 anni d’età.
 
Il Ministero lancia il progetto "Diamoci una mano"
#Diamociunamano è un progetto realizzato attraverso il contributo del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali e grazie al sostegno di Anci per promuovere la partecipazione attiva e la riqualificazione delle competenze di quanti beneficiano di misure di sostegno al reddito. I ruoli e le modalità di integrazione delle attività portate avanti dai vari soggetti coinvolti sono stati definiti attraverso il protocollo d’intesa firmato lo scorso gennaio dal Ministro Poletti, dal presidente dell’ANCI Piero Fassino e dal portavoce del Forum Nazionale del Terzo Settore Pietro Barberi.
 
Living Land: a Lecco il futuro delle famiglie si costruisce insieme
Continua il nostro viaggio alla scoperta dei sette progetti che hanno vinto il Bando Welfare in Azione 2014 di Fondazione Cariplo. La seconda tappa del percorso ci porta a Lecco, dove il Consorzio Consolida svilupperà Living Land, progetto che mira ad alleggerire il carico di cura a carico delle famiglie che vivono nella provincia lecchese. Qui saranno sperimentate modalità di intervento che prevedano una presa in carico comunitaria dei problemi e che promuovano modelli di governance capaci di valorizzare gli apporti dei diversi soggetti del territorio.
 

 
Pagina 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28