PRIVATI / Fondi integrativi
La previdenza integrativa? Condannata allo stallo
Cinzia Meloni, Il Giornale, 24 ottobre 2015
24 ottobre 2015

La previdenza integrativa non decolla. È un dato di fatto. Certo, a dieci anni dal decreto legislativo 252/2005 che ha riformato il settore, i dati sono cresciuti. Ma rimane il fatto che, secondo i dati Covip (commissione vigilanza sui fondi pensione), i 130 miliardi di euro circa di risorse accumulate nelle forme pensionistiche complementari rappresentano solo il 3,3% delle attività delle famiglie italiane. Solo il 25,6% della forza lavoro aderisce alla previdenza complementare (in tutto 6,54 milioni di lavoratori) con una decisa prevalenza, per di più, delle fasce più adulte della popolazione. Il quadro emerso dagli ultimi dati Covip mostra, infatti, come solo il 16% della forza lavoro con meno di 35 anni sia iscritto a una forma pensionistica complementare, un tasso che sale al 24% per i lavoratori di età compresa tra 35 e 44 anni e al 31% per quelli tra 45 e 64 anni.

 

La previdenza integrativa? Condannata allo stallo
Cinzia Meloni, Il Giornale, 24 ottobre 2015

 


Situazione e prospettive della previdenza complementare in Italia

Welfare integrato: una proposta

Il sistema pensionistico tra sostenibilità e invecchiamento: quale contributo dal secondo welfare?
 
NON compilare questo campo