PRIVATI / Finanza Sociale
UBI Banca: "Coglieremo le opportunità della riforma del Terzo Settore per sostenere l’imprenditoria sociale"
L'istituto bancario si è candidato per il Fondo Rotativo promosso dal MISE, che consentirà l’erogazione di finanziamenti fino a 325 milioni di euro
10 ottobre 2017

UBI Banca ha presentato la propria candidatura per operare nell’ambito del Fondo rotativo per il sostegno alle imprese e gli investimenti di ricerca. Lo ha reso noto Letizia Moratti, Presidente del Consiglio di Gestione di UBI Banca, nel corso del convegno “La riforma del Terzo Settore e gli strumenti di finanziamento”, organizzato dall’Istituto di credito insieme all’Università Cattolica del Sacro Cuore il 9 ottobre a Milano.

Di questi temi e delle principali novità civilistiche e fiscali hanno discusso, nel corso del convegno, rappresentanti del Governo, dell’Università e del Terzo Settore. I lavori, dopo il saluto del Rettore della Cattolica Franco Anelli, sono stati introdotti da Letizia Moratti, Presidente del Consiglio di Gestione UBI Banca. A seguire si è svolta la presentazione di Luigi Bobba, Sottosegretario Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, che ha parlato delle grandi sfide che stanno contrastinguendo l'attuazione della Riforma.

Sono quindi intervenuti Stefano Zamagni, Università di Bologna, Giulio Ponzanelli, Università Cattolica del Sacro Cuore, Antonio Fici, Università Molise, e Gabriele Sepio, Università Tor Vergata, che hanno fornito il punto di vista più prettamente accademico su impianto e prospettive della Riforma. Infine, si è svolta una tavola rotonda, coordinata da Paolo Venturi di AICCON, a cui hanno partecipato Emilia Masiello, Ministero dello Sviluppo Economico, Giuseppe Guerini, Federsolidarietà, Stefano Granata, CGM, Eleonora Vanni, Legacoop Sociali, e Guido Cisternino, UBI Comunità Terzo Settore ed Economia Civile.

Nel corso del convegno Moratti ha sottolineato come “la riforma del Terzo Settore dota l'Italia di uno strumento organico e comprensivo che certamente favorirà l'ulteriore sviluppo di un comparto già fondamentale per la società e l'economia del Paese”. In tal senso “la legge non trascura di innovare gli strumenti di finanziamento, agevolando fiscalmente le banche che emetteranno i titoli di solidarietà e i privati che li sottoscriveranno nonché consentendo agli istituti di credito con caratteristiche adeguate di erogare prestiti agevolati dando ulteriore impulso all’imprenditoria sociale”.

Il decreto interministeriale del 14 febbraio 2017 assegna infatti alle banche, purché dotate di metodologie di valutazione specifiche o determinati volumi di erogazione a favore del Terzo Settore, la facoltà di cofinanziare a tassi di mercato prestiti a imprese sociali, cooperative sociali e società cooperative onlus.

I finanziamenti in convenzione, erogabili a fronte di investimenti compresi tra un minimo di 200.000 euro e un massimo di 10 milioni di euro, si compongono di una quota del 30% erogata dalla banca a tassi di mercato e da una quota per il restante 70%, a un tasso agevolato dello 0,5%, a valere sulle risorse del Fondo Rotativo (200 milioni di euro gestiti da Cassa Depositi e Prestiti). Le banche finanziatrici, in forza dell’adesione alla convenzione tra l'Associazione Bancaria Italiana (ABI) Cassa Depositi e Prestiti (CDO) e il Ministero dello Sviluppo Economico (MISE) svolgono le valutazioni sulle richieste di finanziamento – considerando anche le potenziali ricadute in termini di impatto socio ambientale - e stipulano i contratti anche in nome e per conto di CDP. Secondo le stime del MISE, questo meccanismo consentirà l’erogazione di finanziamenti in favore di progetti di investimento per un importo complessivo pari a circa 325 milioni di euro.

La candidatura di UBI Banca per aderire alla convenzione giunge dopo anni di specifico impegno dell’Istituto nel costruire soluzioni dedicate al Terzo Settore, grazie alla divisione dedicata UBI Comunità. Nell’ambito di tale esperienza UBI dal 2012 ha emesso 87 Social Bond per un controvalore complessivo di oltre 900 milioni di euro, che hanno reso possibile la devoluzione di contributi a titoli di liberalità per oltre 4,5 milioni di euro sottoscritti da oltre 34.000 clienti del Gruppo UBI. Inoltre, nel corso del 2017 l’Istituto ha presentato due progetti che coinvolgono, come partner, soggetti dell’ecosistema del Terzo Settore: a marzo UBI Banca è stato il primo istituto bancario italiano ad entrare nel settore del welfare aziendale grazie ad UBI Welfare, mentre a giugno ha presentato Trust in Life, il primo trust di un istituto di credito italiano in attuazione della legge sul Dopo di Noi.

 


Trust in Life: i professionisti del sociale e della finanza insieme per il Dopo di Noi

Con UBI Welfare anche le banche entrano nell'arena del welfare aziendale

Fare per capire: UBI Banca propone il suo Project Finance a Impatto Sociale

A Torino sarà sperimentato il primo Social Impact Bond italiano

Crisi del welfare: quale ruolo può assumere l'impact investing?

Oltre l’idea neo-liberista dei Social Impact Bond: sono strumenti per sperimentare
 
NON compilare questo campo