PRIVATI / Aziende
Welfare aziendale, nuovo piano per Unindustria Treviso
Spese sanitarie e alimentari al centro del nuovo piano per il welfare aziendale sviluppato nella provincia veneta
07 ottobre 2014

Unindustria Treviso ha attivato un nuovo piano di servizi di welfare aziendale per le imprese associate. «Questa iniziativa concreta per la diffusione del welfare aziendale», dice Antonella Candiotto, vicepresidente delegata alle relazioni industriali, «è l’esito di un’importante riflessione che la nostra associazione ha compiuto negli ultimi anni (come vi avevamo raccontato sul nostro sito) e che va a tutto vantaggio delle nostre associate e dei loro collaboratori. Con questo impegno diretto vogliamo offrire alle imprese l’opportunità di avvalersi di una riduzione del cuneo fiscale. Queste soluzioni possono derivare da contrattazione aziendale oppure da una scelta unilaterale dell’impresa. L’iniziativa realizza compiutamente l’obiettivo strategico dell’associazione di rendere accessibili a tutte le aziende opportunità che ciascuna impresa faticherebbe a realizzare singolarmente. Sarebbe necessario infatti impegnare persone e competenze specifiche per la conoscenza della normativa, la selezione dei fornitori, la capacità di contrattare, la predisposizione di documentazione, la comunicazione ai dipendenti, con evidenti costi e oneri che invece possono essere delegati al nuovo servizio associativo». Ancora una volta, quindi, il lavoro di rete si rivela centrale per agevolare l’innovazione.

Attraverso il portale dedicato, è possibile accedere ai servizi per le aziende e per i dipendenti scegliendo tra prestazioni sanitarie, servizi alla persona e carrello spesa.


Prestazioni sanitarie

Grazie alle convenzioni stipulate da Unindustria Treviso con strutture sanitarie e operatori specializzati nei servizi alle persone, tutti i dipendenti delle Aziende Associate a Unindustria Treviso possono ottenere una riduzione delle tariffe – mediamente del 10% - per le prestazioni medico sanitarie (visite specialistiche, esami clinici, terapie) e per i servizi alla persona (servizi infermieristici; trasporto ammalati; assistenza agli anziani e alle disabilità).

L’utilizzo è piuttosto semplice: cliccando sulla pagina degli operatori convenzionati si accede all'elenco dettagliato delle prestazioni e dei servizi che rientrano nelle convenzioni Unindustria Treviso. Per ottenere la riduzione delle tariffe occorre dimostrare di essere dipendente di un’azienda associata esibendo una card rilasciata dal proprio datore di lavoro. I servizi possono essere usufruiti anche al di fuori della provincia di Treviso.


Carrello spesa

Unindustria Treviso ha stipulato una Convenzione con la società S.I.D.O., titolare dei supermercati a marchio "CADORO", per la fornitura di beni di consumo, con una riduzione di prezzo in favore delle imprese associate. Sono previste tre tipologie di confezioni al prezzo rispettivamente di 100, 115 e 125 euro. In questo modo ogni Azienda ha la possibilità definire più combinazioni, che vanno da 100 a 250 euro, mettendo insieme due confezioni, in relazione al costo che vuole sostenere. Previo accordo con S.I.D.O. le confezioni possono essere ritirate presso un supermercato ‘CADORO’, o dall’Azienda stessa o direttamente dai singoli dipendenti.


I servizi per le aziende

Il Servizio di Unindustria Treviso fornisce specifica consulenza per consentire alle aziende associate di porre in essere le iniziative di Welfare nel modo più corretto, individuando le soluzioni più adeguate per ogni singola impresa in relazione agli obiettivi che questa si pone, nell’ambito delle specifiche normative vigenti. Per ciascuna delle soluzioni offerte sono state definite la riduzione di costi e tariffe, le modalità di ordinazione, le modalità di consegna dei beni e di fruizione dei servizi. Per accedere al servizio Card Convenzioni ogni azienda associata deve semplicemente fornire la documentazione con la propria ragione sociale ed il nome del dipendente. Il quantitativo di Card occorrenti verrà fornito gratuitamente.


Riferimenti

Il sito internet del progetto

Riempi il carrello tanto paga l’azienda. Ecco il nuovo welfare, Fabio Poloni, La Tribuna di Treviso, 4 ottobre 2014

 

Torna all'inizio
 

 
NON compilare questo campo