PRIVATI / Aziende
Vicenza, l'azienda delle culle piene: "Uno stipendio in più a chi fa figli"
Giampaolo Visetti, La Repubblica, 15 marzo 2017
15 marzo 2017

 "C'era bisogno di dare un segnale chiaro: l'Italia e l'Europa devono rimettere i bambini al centro della vita. Da imprenditore, ho cominciato facendo concretamente la mia parte". Roberto Brazzale, 54 anni e tre figli, conduce la più antica azienda lattiero-casearia del nostro Paese. Da quest'anno nella sua azienda ogni dipendente che genererà un bambino, otterrà una mensilità media netta in più per fronteggiare le prime spese di una famiglia allargata. Lo stipendio mensile in più sarà versato anche ai padri, o a chi adotterà un bambino. Unico requisito: essere dipendenti da almeno due anni e assicurare la collaborazione per i due successivi a ogni lieto evento. "Ci rendiamo conto - dice Brazzale - che 1.500 euro in più non bastano per indurre una coppia a generare un figlio. Il messaggio culturale prevale su quello materiale ed è la fiducia nel futuro: vogliamo che i giovani che investono sulla vita si sentano a proprio agio e che non debbano preoccuparsi del lavoro".


Vicenza, l'azienda delle culle piene: "Uno stipendio in più a chi fa figli"

Giampaolo Visetti, La Repubblica, 15 marzo 2017