PRIVATI / Aziende
UBI Welfare Network: la piattaforma di Confartigianato Imprese Varese per il welfare aziendale
Grazie alla partnership tra UBI Banca e Confartigianato Varese, per le imprese della provincia sarà più semplice attivare misure dei welfare
22 marzo 2018

Di UBI Welfare, il servizio offerto da UBI Banca alle imprese intenzionate ad implementare piani di welfare aziendale, abbiamo già parlato in un precedente articolo. Recentemente al progetto ha aderito anche Confartigianato Imprese Varese che, stipulando una partnership, si propone di agevolare la diffusione degli strumenti di welfare tra le sue imprese del territorio associate.


Confartigianato Imprese Varese: promuovere impresa & capitale umano

Confartigianato Imprese Varese è una associazione di categoria che promuove la cooperazione e la condivisione di progetti e tecnologie tramite reti cui aderiscono 8.900 imprese afferenti a 6 distretti territoriali della Provincia di Varese (Varese, Gallarate, Busto Arsizio, Saronno, Luino e Tradate). Ad essa è collegata anche una Fondazione che si occupa di organizzare iniziative di utilità sociale, come l’inserimento di disabili e di emarginati nel mondo del lavoro.

Ora, con la partnership con UBI Banca, l’associazione si propone di promuovere la fruizione del welfare aziendale alle PMI e ai dipendenti. Intervistato sulle motivazioni e sui vantaggi dell’iniziativa, Mauro Colombo, direttore generale di Confartigianato Imprese Varese, ha precisato che l’accordo “è dettato dalla consapevolezza che il benessere in azienda rappresenta oggi un motore formidabile per aumentare la soddisfazione di imprenditori e collaboratori, trattenere le risorse in azienda e accrescere la capacità attrattiva nei confronti dei migliori talenti”. Secondo Colombo, “questo investimento rafforzerà il potere di acquisto e, di conseguenza, sarà utile per migliorare la qualità della vita dei dipendenti, la competitività, il benessere sociale dei territori e la vitalità del mercato interno. Al contempo, questi strumenti offriranno alle Pmi opportunità analoghe a quelle di norma garantite alle grandi industrie e a prezzi competitivi».


La piattaforma UBI Welfare Network: benessere per i dipendenti e valorizzazione dell’economia locale

L’accordo tra Confartigianato Varese e UBI Welfare riguarda la realizzazione di servizi di consulenza, assistenza e supporto (anche burocratico) destinati alle imprese associate e necessari per attivare un piano di welfare aziendale. Operativamente, questo scopo viene raggiunto tramite la realizzazione di una piattaforma ad hoc che vuole semplificare l’accesso e l’utilizzo del servizio. Le PMI possono così relazionarsi con consulenti che organizzano un piano di welfare dedicato secondo le caratteristiche delle singole aziende e i dipendenti possono accedere al servizio in ogni momento e tramite più canali (pc, smartphone e tablet).

Complessivamente il numero dei beneficiari è consistente: sono coinvolte quasi 9.000 imprese e 40.000 dipendenti. I servizi erogati riguardano l’assistenza sanitaria, la previdenza complementare, il sostegno al reddito, l’istruzione e la cultura. Sono previsti anche dei momenti formativi che consentiranno ai lavoratori di conoscere le caratteristiche e i vantaggi degli strumenti di welfare aziendale. Il progetto punta inoltre alla valorizzazione dell’economia locale, grazie al coinvolgimento di esercizi e punti vendita del territorio.

Così, grazie al neo-costituito UBI Welfare Network, le aziende potranno minimizzare gli oneri amministrativi e operativi del piano di welfare e i dipendenti potranno usufruire di servizi di varia natura, trovando risposte concrete ai bisogni personali e familiari.


Qualche considerazione sull’accordo

L’accordo stipulato tra UBI Banca e Confartigianato Imprese Varese è un bell’esempio di secondo welfare. Grazie a questa iniziativa congiunta anche le PMI in Provincia di Varese avranno accesso a servizi che - per oneri finanziari e organizzativi - sono altrimenti riservati solo a realtà aziendali di grandi dimensioni. In questo caso è infatti l’associazione di categoria a aggregare la domanda, realizzando un’economia di scala in grado di ridurre i costi per il welfare aziendale. Come ha sottolineato Rossella Leidi, Vice Direttore Generale e Chief Wealth and Welfare Officer di UBI Banca (intervistata anche da Percorsi di Secondo Welfare) sul valore dell’iniziativa per il contesto locale sociale, “la partnership permette di consolidare la visione di welfare aziendale come ecosistema di persone, imprese e territorio”.


Riferimenti
Il sito di Confartigianato Imprese Varese

 


UBI Welfare: la proposta di UBI Banca per il welfare aziendale

Welfare aziendale e provider prima e dopo le Leggi di Stabilità

Un welfare aziendale per le donne: il punto di vista del sindacato

Welfare aziendale tra dimensione organizzativa e cura della persona

Welfare aziendale e conciliazione vita lavoro in Emilia Romagna

Welfare aziendale: in Italia il suo valore potenziale è di 21 miliardi di euro