PRIVATI / Aziende
Smart working non significa lavorare da casa ma abbandonare il mito della postazione fissa
Lorenzo Cavalieri, Linkiesta, 7 marzo 2018
10 marzo 2018

Quando parliamo di smart working il nostro pensiero corre immediatamente alla possibilità di lavorare da casa; ma smart working in realtà, per un numero crescente di aziende, significa e significherà anche l’addio alla postazione fissa di lavoro. Si entra nella sede, o in una delle sedi, della propria azienda e ci si siede liberamente dove si trova posto, tanto bastano un pc e una connessione per essere perfettamente efficienti.

La postazione di lavoro è uno spazio di identità personale che risponde a un preciso bisogno di autoaffermazione e di autoprotezione. Per molti di noi è l’equivalente “adulto” della nostra stanzetta di adolescenti, il tempio della nostra autoconsapevolezza. Insomma la fine della postazione fissa non è solo una profonda trasformazione organizzativa. Impatta significativamente sulla nostra esperienza umana al lavoro. È un tema delicato che dovrebbe impegnare la riflessione attenta della psicologia del lavoro.


Smart working non significa lavorare da casa ma abbandonare il mito della postazione fissa

Lorenzo Cavalieri, Linkiesta, 7 marzo 2018