PRIVATI / Aziende
Hera lancia il suo nuovo piano di welfare aziendale
Si chiama HEXTRA e garantirà maggiore omogeneità dei servizi e più libertà di scelta per i dipendenti e le loro famiglie
16 luglio 2016

Si chiama HEXTRA, ed è il nuovo piano integrato di welfare aziendale che da luglio sarà attivo per tutti i lavoratori del Gruppo Hera, multiutility che si occupa della gestione di gas, luce, acqua e servizi ambientali in Emilia-Romagna, Marche, Veneto e Friuli-Venezia Giulia. Grazie agli incentivi fiscali introdotti dalla Legge di Stabilità 2016 gli 8.500 dipendenti dell'azienda e le loro famiglie potranno godere di un'ampia gamma di nuovi servizi che andranno ad aggiungersi a quelli già attivi in diversi contesti locali sotto forma di mensa, parcheggi, asili nido e centri estivi.


Armonizzazione e flessibilità: per tutti e per investire dove serve

Il piano, spiegano da Hera, è di valorizza le iniziative di welfare già esistenti, armonizzandone le applicazioni su tutto il Gruppo e rendendole uguali per tutti i dipendenti. L'iniziativa, in particolare, si caratterizza per il conferimento ad ogni dipendente di una quota flessibile di risorse che potrà essere allocata a piacere dal singolo lavoratore, che deciderà sulla base delle sue esigenze personali e familiari.
 
HEXTRA permetterà di scegliere tra diverse aree: salute e assistenza sanitaria, assicurazione e previdenza, sostegno all’istruzione dei figli, servizi alla persona, benessere e sostegno al reddito. Significativo, in particolare, l’investimento sull’istruzione dei figli, che prevede un contributo aggiuntivo riconosciuto dall’azienda ai dipendenti in possesso di determinati requisiti. Chi lo desidera, inoltre, potrà destinare una parte del valore del proprio piano di welfare a favore di Hera Solidale, il progetto del Gruppo che da anni coinvolge i lavoratori nel sostegno alle tante iniziative di solidarietà che insistono sul territorio raggiunto dai servizi della multiutility.
 
Oltre che per i propri dipendenti, Hera prevede di poter generare ricadute positive anche sui territori in cui opera l'azienda, grazie agli investimenti sull'indotto collegato ai servizi di welfare previsti dal piano.
 

Più potere di scelta per i dipendenti

Tommaso Tommasi di Vignano, presidente del Gruppo Hera, ha spiegato le modalità con cui è stato pianificato HEXTRA: "siamo partiti con una lunga fase di ascolto che attraverso questionari e focus group ci ha permesso di capire come costruire un piano di welfare che potesse migliorare l'impegno finora profuso nell'interesse dei nostri dipendenti. La soluzione a cui siamo giunti ci soddisfa perché oltre ad aumentare le risorse ne consente un utilizzo più razionale e, soprattutto, dà ampio potere di scelta al lavoratore, che decide come gestirsi il proprio contributo in base alle sue esigenze personali e familiari.

"Se consideriamo l'espansione e il consolidamento del Gruppo" ha concluso Tommasi di Vignano, "queto piano di welfare rappresenta un significativo passo in avanti, che ci permette di creare valore ed efficienza nell'interesse di tutti i soggetti coinvolti, contribuendo a proteggere il portafoglio delle famiglie in un periodo economicamente non semplice come quello attuale".

 


Il welfare aziendale in Italia: tempo di una riflessione organica

Welfare e produttività: finalmente il decreto attuativo

Premio di produttività per il welfare: quale impatto sul futuro sociale dei lavoratori?

Il welfare aziendale di Lardini: dalle ferie solidali alla responsabilità sociale

Curarsi di chi aiuta a curare: il welfare aziendale di ACRAF Angelini

Welfare aziendale e servizi alla persona come motore dell'economia
 
NON compilare questo campo