Crescita economica e risparmio a lungo termine
Come aiutare la sostenibilità di lungo periodo del nostro sistema di welfare pubblico, “schiacciato” tra nuovi rischi e vincoli di bilancio? Le assicurazioni si appellano ai governi dei Paesi europei perché comprendano la necessità di promuovere la mobilitazione del risparmio privato delle famiglie per favorire la crescita economica.
 
UE: Stop alle tabelle differenziate per il calcolo della pensione
La Corte di Giustizia dell'Unione Europea ha stabilito che dal 21 dicembre 2012 non sarà più possibile per le compagnie assicurative offrire polizze differenziate per uomini e donne, come invece oggi accade per Rc-auto e polizze vita. Unanime la reazione del settore assicurativo, che si appella alle statistiche e avverte circa possibili aumenti dei prezzi. Abbiamo chiesto alla Prof.ssa Olivia Bonardi, docente di Diritto del lavoro e di Diritto della sicurezza sociale, di spiegarci meglio di che cosa si tratta.
 
Fondi assicurativi per la disoccupazione: il sistema svedese
A differenza di altri ambiti del sistema di assicurazione sociale, come gli infortuni sul lavoro, la previdenza e la salute, il rischio di disoccupazione in Svezia non è stato tutelato tramite l’introduzione di un sistema di assistenza pubblico. Ecco come funziona il sostegno alla disoccupazione.
 
Gestione finanziaria dei fondi pensione
Ecco come i gestori finanziari, nella presente situazione di incertezza economica, tutelano gli iscritti dei fondi pensione. Il dossier de la Repubblica del 24 novembre spiega le scelte di investimento, ed i diversi tipi di fondi pensione esistenti.
 
La vulnerabilità economica delle famiglie italiane
E’ stato presentato a Roma lo scorso 17 novembre il rapporto “La vulnerabilità economica delle famiglie italiane”, realizzato dal Forum ANIA - Consumatori insieme all’Università degli Studi di Milano, e con il supporto tecnico di GfK Eurisko.
 
Le polizze vita in Italia: costi, rischi e rendimenti
Durante l’ultimo decennio le polizze assicurative in Europa sono cresciute in media del 3% all’anno, fino a toccare i 1107bn di euro nel 2010. Il 61% di tale cifra è costituito, secondo un rapporto CEA, dalle polizze vita. L’Italia, al quarto posto in Europa per valore dei premi, non fa eccezione: più del 70% di essi appartiene al segmento vita. Il CorrierEconomia del 7 novembre ha realizzato un interessante approfondimento su costi, rischi e rendimenti delle polizze vita rivalutabili.
 
La famiglia in equilibrio tra sostenibilità economica e sociale
Nel 2009 l’Ufficio Studi dell’ANIA, assieme all’Istituto per la Ricerca e lo Sviluppo delle Assicurazioni (IRSA), ha avviato un progetto di ricerca per analizzare la domanda potenziale di bisogni assicurativi delle famiglie italiane, famiglie esposte in misura crescente a rischi ed eventi non coperti dal sistema di welfare pubblico. La ricerca è stata coordinata da Agar Brugiavini e da Tullio Jappelli (rispettivamente dell’Università Cà Foscari di Venezia e dell’Università di Napoli Federico II) e ha portato alla pubblicazione del volume dal titolo “Verso un nuovo sistema di architettura sociale per la famiglia. Rischi economici e domanda di assicurazione” (il Mulino, 2010), i cui contenuti vengono presentati di seguito sinteticamente.
 

 
Pagina 1 2 3