PRIMO WELFARE / Sanità
Cure mediche personalizzate, la nuova frontiera dei Big Data
Extra Moenia e Alessandro Venturi, Linkiesta, 25 febbraio 2016
26 febbraio 2016

La crisi dello stato sociale è la crisi di un sistema. Forse la sfida maggiore che deve fronteggiare il welfare del Terzo Millennio è proprio il superamento di questo paradigma. Extra Moenia e Alessandro Venturi su Linkiesta propongono alcune suggestioni che lasciano intravedere la portata “distruttiva” dell’evoluzione scientifica e tecnologica applicata al welfare.

Gli autori, in particolare, si concentrano su piani di assistenza sanitaria personalizzati che facciano leva sull’integrazione tra genetica e genomica e sulla miniera di informazioni digitalizzate già disponibili, ma attualmente non utilizzate in modo compiuto (e per le quali sono state investite importanti risorse) come la tecnologia dei big data e degli analytics, consentirebbe di migliorare i risultati di salute dei pazienti e ridurre significativamente i costi sanitari inappropriati (principale zavorra dei sistemi sanitari contemporanei).

Si va quindi verso un welfare personalizzato che richiede strumenti gestionali flessibili e scalabili, facilmente integrabili con la pluralità di interventi previsti dai diversi livelli di governo, dalle imprese e da tutte le organizzazioni profit e non profit che concorrono al benessere collettivo. L’avanzamento sociale deve corrispondere all’avanzamento delle conoscenze scientifiche in quanto mutuo allineamento di innovazione normativo-politica e innovazione tecnoscientifica.


Cure mediche personalizzate, la nuova frontiera dei Big Data
Extra Moenia e Alessandro Venturi, Linkiesta, 25 febbraio 2016

 

 


Come cambiano i sistemi sanitari europei?

Giustificare il welfare state. Ragioni a confronto

Sanità: come garantire un'integrazione virtuosa fra primo e secondo pilastro?

Il nuovo welfare: prospettive a confronto

Riordino del Sistema sanitario e socio-sanitario lombardo e compartecipazione alla spesa sanitaria

Fondi Sanitari, gli ultimi dati dal Ministero della Salute
 
NON compilare questo campo