PRIMO WELFARE / Lavoro
"Noi il lavoro lo abbiamo trovato a casa"
Caterina Clerici e Manuela Messina, La Stampa, 19 marzo 2014
19 marzo 2014

Che lo si chiami “lavoro agile” o smart working, fare della casa il proprio ufficio è una scelta sempre più comune. Succede tra i giovani creativi come grafici, video maker e illustratori, ma anche fra gli start upper e i piccoli imprenditori. Il nostro Paese, stando ai dati dell’osservatorio della Scuola di Management del Politecnico di Milano, è uno dei fanalini di coda a livello europeo per il cosiddetto telelavoro nel 2013 (venticinquesimo su ventisette), ma nell’ultimo anno si è registrato un primo cambio di tendenza, con la percentuale del lavoro a distanza aumentata dell'8% rispetto al 2012. 
 

“Noi il lavoro lo abbiamo trovato a casa”
Caterina Clerici e Manuela Messina, La Stampa, 19 marzo 2014


Potrebbe interessarti anche:

La prima giornata del lavoro agile a Milano

Lavoro agile, di cosa parliamo?

Il coworking: un nuovo modello di welfare?