PRIMO WELFARE / famiglia
Perché i francesi fanno più figli di tutti
Il Post, 17 marzo 2016
18 marzo 2016

Martedì 15 marzo l’Eurostat ha diffuso i dati riguardo alla fertilità e alla nascita di bambini negli stati europei per il 2014. Il rapporto dice che il tasso di fertilità più alto d’Europa è quello della Francia, con 2,01 bambini nati per ogni donna. Il motivo per cui le donne francesi fanno più figli di quelle degli altri Paesi europei (problema di cui ha recenetemnte parlato anche Maurizio Ferrera) è che da diversi anni la Francia ha adottato una serie di politiche per aumentare gli aiuti alle famiglie con figli, senza però discriminare i genitori sposati da quelli conviventi, e incentivando le donne a non lasciare il proprio lavoro per occuparsi dei figli.

A partire da quando i bambini hanno due mesi, in Francia possono essere affidati agli asili: circa il 40 per cento dei bambini sotto i due anni viene affidato a qualche servizio per l’infanzia, e circa il 92 per cento di quelli tra i 3 e i 6 frequenta la scuola materna. In generale, le donne francesi sono incoraggiate ad affidare i propri figli ai servizi pubblici dedicati invece che a lasciare il proprio lavoro o a interromperlo: anche per questo il tasso di occupazione femminile tra le donne francesi tra i 15 ai 64 anni è superiore al 60 per cento (in Italia è di circa il 46 per cento).

Una legge del 2014 ha inoltre aggiunto sei mesi di congedo parentale a ogni coppia con un figlio, dando la possibilità anche all’altro genitore (solitamente il padre) di occupasene, permettendo quindi alla madre di lavorare. Negli anni Sessanta e Settanta molti sostenitori del concetto di “famiglia tradizionale” sostenevano che una maggiore flessibilità nelle leggi sulla famiglia avrebbe portato a una diminuzione delle nascite: oggi però il tasso è più alto nei paesi europei in cui le donne lavorano, e più basso in quelli in cui stanno a casa. 

 

Perché i francesi fanno più figli di tutti
Il Post, 17 marzo 2016

 


Una nuova agenda D

Quanto è forte la carta rosa

Le donne nel Jobs Act: quanto conta la conciliazione vita-lavoro?

Usa, se le politiche family-friendly finiscono per penalizzare le donne

LaFemMe: un nuovo linguaggio per promuovere il lavoro delle donne

Donne, lavoro e innovazione sociale: la strategia lombarda per uscire dalla crisi
 
NON compilare questo campo