PRIMO WELFARE / famiglia
Part-time e asilo nido: spesso alle donne non conviene lavorare
Cristina Da Rold, L'Espresso, 17 settembre 2018
18 settembre 2018

Secondo quanto era emerso da un rapporto dell'Ispettorato nazionale del lavoro del 2017, delle 30 mila donne che si sono licenziate nel 2016 il 5% (1500 donne) l’aveva fatto per i costi troppo elevati nella gestione dei figli, a cui si aggiunge un altro 20% (6000 donne) che si è licenziato perché non aveva modo di portare il bambino all’asilo nido per mancanza di posti.

Oggi solo il 55% delle madri italiane lavora, il 7% è in cerca di lavoro e mentre il 36% è inattiva. Fra coloro che lavorano, il 40% ha un contratto part-time e per quasi la metà dei casi non si è trattato di una scelta volontaria.

Secondo l'Istat, nel nostro Paese lavorano 6 donne su 10 fra i 35 e i 44 anni, ma le differenze geografiche sono fortissime: lavora il 74% delle donne al nord, il 66% nelle regioni del centro e solo il 40% nel meridione.


Part-time e asilo nido: spesso alle donne non conviene lavorare
Cristina Da Rold, L'Espresso, 17 settembre 2018