L'illusione di un patto fra generazioni sul lavoro
Il governo cerca soluzioni al problema occupazionale ipotizzando una “staffetta” che spinga i lavoratori anziani ad accettare soluzioni part-time, prevedendo contributi aggiuntivi su base regionale che impediscano perdite pensionistiche, e consenta ai giovani di entrare nel mondo del lavoro: una sorta di “patto fra generazioni” incentivato dallo Stato. Ma sarebbe una buona idea?
 
I redditi da lavoro dopo il pensionamento
Nel corso degli ultimi anni le politiche sociali e occupazionali europee hanno evidenziato come la società vada verso un progressivo prolungamento della vita lavorativa e dell’età di pensionamento reale. Nei paesi dell’Unione Europea il tasso di occupazione tra i 65 e i 69 anni di età è salito dall’8,8% al 10,5% tra il 2005 e il 2011. Ma chi sono oggi i pensionati lavoratori? Quali attività svolgono? Quali iniziative possono intraprendere policy-makers, datori di lavoro e pensionati per gestire al meglio l’impatto di questa tendenza sull'intera società?
 
Le politiche di sostegno alle famiglie
La famiglia, tanto in Italia quanto in Europa, sta vivendo momenti di grande difficoltà. Molte sono le parole spese a sostegno di questa importante realtà, ma quando si va a vedere quello che concretamente è stato fatto per sostenerla si scopre come le misure in vigore, nella maggior parte dei casi, siano timide ed insufficienti per rispondere ai bisogni contingenti. Ma per quale ragione si parla tanto spesso di famiglia ma poi, nei fatti, i provvedimenti adottati si rivelano totalmente inadeguati alle necessità dei nuclei familiari? Proponiamo una breve rassegna dei contributi inerenti questo tema che sono apparsi su Il Sole 24 Ore negli ultimi giorni.
 
46° Rapporto Censis: socio-sanitario sempre più "out of pocket"
46° Rapporto Censis: socio-sanitario sempre più "out of pocket"
 
Pensioni, cosa cambia? Ecco tutte le nuove soglie per età
A gennaio 2013 inzieranno a essere effettive le novità introdotte dalla riforma Fornero. Il Corriere della Sera ha individuato alcuni degli step più importanti che, a partire dall'inizio del prossimo anno, sarà necessario percorrere per maturare il diritto alla pensione. Enrico Marro, Corriere della Sera, 4 dicembre 2012
 
Congedo parentale anche a ore
Il governo nelle prossime ore varerà un decreto con l'obiettivo di chiudere diverse procedure d'infrazione comunitaria. All'interno del provvedimento sarà inserita anche la possibilità di usufruire del congedo parentale su base oraria, in modo da garantire maggiore flessibilità a tale misura.
 
Istat: è allarme disoccupazione
L'Istat diffonde i dati sulla disoccupazione, i più alti in termini reali dal 1999: 2.9 milioni di persone senza lavoro, l'11,1%. I numeri più preoccupanti riguardano i giovani che, nella fascia 15-24 anni, risutano essere senza lavoro per il 36,5% (639mila persone). Mario Draghi, presidente della BCE, ha affermato che entro la metà del prossimo anno si potranno vedere i primi segni di ripresa, ma le notizie diffuse dall'Istat restano comunque sconfortanti.
 
Un percorso di sicurezza
Maurizio Ferrera sulle pagine del Corriere analizza l'attuale situazione politica italiana chiedendosi se il Paese potrà fare a meno di Mario Monti o, quanto meno, se potrà fare a meno di un "agenda Monti" che garantisca, sia a livello interno che internazionale, credibilità anche per la prossima legislatura. Maurizio Ferrera, Corriere della Sera, 28 novembre 2012
 
Bonus baby sitter alle neomamme
Il governo è pronto a sperimentare il bonus per baby sitter e asili nido, un contributo di 300 euro al mese, per un massimo di sei mesi, che potrà essere utilizzato a partire dal 2013 dalle madri lavoratrici nel primo anno di vita del bambino. Lorenza Salvia, Corriere della Sera, 27 novembre 2012
 
Per aiutare le mamme a tornare al lavoro la Germania ora pensa ai buoni per la colf
Per aiutare le mamme a tornare al lavoro il governo tedesco sta studiando la possibilità di fornire buoni per pagare le colf. Per un anno e mezzo alle donne che desiderano tornare al lavoro dopo il congedo di maternità potrebbe essere concesso un «buono», di 6 euro all’ora per un totale di 15 ore mensili, per aiutare a pagare le collaboratrici domestiche. Paolo Lepri, Corriere della Sera, 26 novembre 2012
 
Perchè l'housing sociale non decolla?
Esperienze di edilizia sociale innovativa che in altri Paesi europei hanno ottenuto importanti successi in Italia, soprattutto a causa di intoppi burocratici, non riescono a diffondersi. Perchè? Fabio Savelli sulle pagine del Corriere della Sera analizza le ragioni che impediscono all'housing sociale di decollare. Fabio Savelli, Corriere della Sera, 22 novembre 2012
 
Verso un “Fondo europeo di aiuto agli indigenti”? Ecco la proposta della Commissione Europea
La Commissione europea ha recentemente proposto l’introduzione, nel Quadro finanziario pluriennale 2014-2020, di un Fondo volto a sostenere le persone più indigenti, destinato ad assumere l'eredità del Programma per la distribuzione delle derrate alimentare agli indigenti (MDP programme). Il Fondo potrebbe costituire un importante tassello della dimensione sociale dell’Ue, fornendo sostanza al principio di solidarietà intra-europea.
 
Le trasformazioni del welfare occupazionale in Corea Sud
Normalmente quando si parla di welfare state si pensa quasi unicamente ai sistemi di protezione sociale presenti nei Paesi occidentali. Tuttavia, da alcuni anni, anche alcuni paesi asiatici stanno strutturando sistemi di welfare sempre più complessi, capaci di fornire beni e servizi sociali alla propria popolazione. Ijin Hong, docente presso la Sungshin Women’s University di Seoul, ci spiega come funziona il sistema di welfare della Corea del Sud, uno dei modelli di welfare più avanzati dell'estremo oriente.
 
Disoccupazione, allarme dell'Istat
L'Istat lancia l'allarme sulla disoccupazione, arrivata al 10,6% e destinata a salire anche nel 2013. Non va meglio dal punto di vista del Pil e dei consumi, che presentano dati negativi che non miglioreranno nel corso del prossimo anno. Redazione Online, Corriere della Sera, 5 novembre 2012
 
Verso le elezioni USA, "Obamacare" e l’anomalia del sistema americano
La riforma della sanità statunitense, il cosiddetto Obamacare, è stato uno dei temi al centro della campagna elettorale che deciderà chi dovrà guidare gli Stati Uniti per i prossimi 4 anni. Giorgio Freddi col volume "L'anomalia americana" descrive il funzionamento del sistema sanitario americano, spiegando perché il sistema statunitense, nonostante tutti gli sforzi messi in atto da Obama, e da molti presidenti prima di lui, risulti difficilmente modificabile.
 
Passera: il welfare non va indebolito ma riformato
Il ministro per lo sviluppo economico Corrado Passera, nel corso di un evento svoltosi a Padova, ha sottolineato come sia più che mai necessario riformare il welfare in un senso maggiormente sussidiario, che permetta il passaggio dal welfare state alla welfare community. ASCA, 22 ottobre 2012
 
La lunga notte delle famiglie
Maurizio Ferrera, Corriere della Sera, 18 ottobre 2012
 
Welfare incapace, l'accusa della Caritas
C'è una «evidente incapacità» dell'attuale sistema di welfare a farsi carico delle nuove forme di povertà, delle nuove emergenze sociali derivanti dalla crisi economico-finanziaria. Con il titolo I ripartenti. Povertà croniche e inedite. Percorsi di risalita nella stagione della crisi è stato presentato Il Rapporto sulla povertà 2012 realizzato dalla Caritas su povertà ed esclusione sociale in Italia, lanciato in occasione della Giornata internazionale di lotta alla povertà.
 
L'Italia ultima in classifica nella protezione dei disabili
L'Italia è tra gli ultimi paesi in Europa per risorse destinate alla protezione sociale delle persone con disabilità: si spendono 438 euro pro-capite annui contro i 531 della media europea, ben lontani dai 754 del Regno Unito. Secondo u...
 
Un'iniezione di austerity in corsia
La nuova legge di stabilità approvata dal Consiglio dei Ministri farà presto sentire i suoi effetti sul mondo della sanità. In arrivo tagli ai posti letto, più ticket e il riordino dell'assistenza primaria. Da qui al 2015 il "risparmio previsto" potrebbe superare i 34 miliardi di euro. Sara Todaro, Il Sole 24 Ore, 15 ottobre 2012