Più difficile conciliare lavoro e figli. Crescono del 44% le dimissioni
LItalia conferma la sua immagine di paese in cui le donne che fanno figli battono in ritirata. Non solo sono poche quelle che hanno un lavoro (il 48,9% contro una media europea del 62,5%), ma molte lo lasciano al primo figlio. Niente di nuovo, si dir. Non proprio: se nel 2016 il 78% delle richieste di dimissioni convalidate dallIspettorato nazionale del lavoro ha riguardato le lavoratrici madri, ben il 40% delle domande stato motivato dalla difficolt di conciliare il lavoro con le esigenze di cura dei figli: un balzo del 44% sul 2015. E cos mentre diminuisce (di poco), il numero totale delle madri che si dimette (-4% tra 2015 e 2016), sale quello che lo fa per motivi legati alla famiglia: 13.854 rispetto alle 9.572 del 2015.
 
Ocse: "In Italia pochi laureati (sotto media di 10 punti), poco preparati e male utilizzati"
Mancano le competenze di base e avanzate e soltanto se l'Italia migliorer in questo campo potr in futuro prosperare e creare un ambiente pi inclusivo. Si apre con questa considerazione il rapporto Ocse "Strategia per le competenze" per l'Italia, diffuso oggi dall'Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico | La Repubblica, 5 ottobre 2017
 
Lavoro, istruzione, politiche: alcune anticipazioni dal 18° Rapporto Giorgio Rota
La diciottesima edizione del Rapporto Rota - documento realizzato dal Centro Studi Einuadi di Torino e sostenuto nel tempo da importanti organizzazioni come Compagnia di San Paolo e Banca del Piemonte - dedica ampio spazio ai temi del lavoro, dell'istruzione, delle relative politiche di sostegno, confrontando le citt italiane e il nostro Paese con le altre nazioni. Ma che cosa emerge nello specifico? Ve lo raccontiamo in questo articolo.
 
Italia e sviluppo sostenibile: i principali risultati del secondo Rapporto ASviS
Lo scorso 28 settembre presso la Camera dei Deputati stato presentato il secondo Rapporto sullo Sviluppo Sostenibile curato da ASviS, l'Alleanza Italiana per lo Sviluppo Sostenibile. Il documento, realizzato grazie al contributo di operatori ed esperti impegnati nelle organizzazioni aderenti all'Alleanza, presenta un vero e proprio check-up dello sviluppo sostenibile in Italia e avanza alcune proposte per permettere al nostro Paese di adottare un nuovo paradigma capace di costruire un futuro certo per le prossime generazioni.
 
Cosa c'è nel numero 4/2017 di Welfare Oggi
uscito il numero 4/2017 di "Welfare Oggi", periodico bimestrale pubblicato in formato cartaceo e digitale da Maggioli Editore. Questa edizione presenta un ampio focus dedicato alla tematica del contrasto alla povert in Italia e, tra i contributi presenti nella rivista, potrete trovare anche un intervento della nostra Chiara Agostini dedicato proprio a questo tema. Qui una sintesi dei principali contenuti della pubblicazione.
 
Papa: bene "sistema Emilia", fatto di dialogo, solidarietà e welfare
Lavoro e cooperazione, buona politica, e accoglienza degli stranieri: sono questi gli assi portanti del sistema Emilia che Papa Francesco ha voluto porre al centro della sua visita pastorale nella regione Emilia-Romagna tenutasi ieri 1 ottobre. | Vittorio Nuti, Il Sole 24 Ore, 2 ottobre 2017
 
Troppi anziani con la casa da ricchi che non arrivano alla fine del mese
Anziani con abitazioni di valore e reddito basso. questa una nuova contraddizione che si sta palesando nellarcipelago della disuguaglianza italiana. Largomento stato approfondito dal professor Luca Beltrametti che ha preparato un apposito studio (House rich, cash poor) per la Fondazione Cariplo con lobiettivo di favorire una riflessione sulla ricchezza immobiliare (statica) degli anziani made in Italy e su come possa essere messa in circolo.
 
Integrazione Qui Bologna, l'accoglienza diffusa che funziona
In un anno e mezzo, grazie al portale ideato dalla cooperativa Camelot, 118 persone si sono candidate ad aprire le porte di casa propria per accogliere un rifugiato. Sono 28 le esperienze di accoglienza attivate, per 6/9 mesi. I nove ragazzi che hanno terminato il percorso ora hanno una casa loro, spesso un lavoro: storie di integrazione riuscita, presentate anche al Parlamento Europeo | Sara De Carli, Vita.it, 1 ottobre 2017
 
"Welfare in azione": Fondazione Cariplo e i progetti di housing per l'età anziana
Succede a Verbano Cusio Ossola e in alcuni altri Comuni del Novarese dove la Fondazione Cariplo sostiene da tempo il progetto La cura di casa il cui principio molto semplice: gli anziani del paese sono aiutati dai vicini, ognuno si prende cura di qualcuno | Paolo Foschini, Il Corriere, 30 settembre 2017
 
La Scozia vuole innalzare le tasse sul reddito per finanziare il welfare
Il 5 settembre la Prima Ministra scozzese Nicola Sturgeon ha delineato davanti al Parlamento di Edimburgo il suo piano dazione per lanno a venire. Tra i punti chiave del programma risalta la presa in considerazione di un incremento delle tasse sul reddito dei pi abbienti, mirato a finanziare un programma di sostegno sociale pi efficiente ed esteso. Sturgeon ha inoltre annunciato lavvio di una ricerca per valutare l'introduzione del Reddito di base universale.
 
Si possono gestire i flussi migratori in modo proattivo e sostenibile?
Gestire le migrazioni in modo proattivo e sostenibile e adattare i canali di migrazione legale quanto pi possibile alle motivazioni autentiche dei migranti e alle capacit di assorbimento economico politico e sociale dei paesi di accoglienza. Questo il punto focale dello studio "Mixed migration - Challenges and options for the ongoing project of German and European asylum and migration policy che delinea e suggerisce nuove strategie e approcci alle politiche migratorie.
 
La dimensione sociale e il cuore dell'Europa
Un'Unione sociale europea capace di anteporre la "Ragion di Stato" a quella "di Mercato", la democrazia alla competitivit. Intervistato da LIndro, Maurizio Ferrera ci spiega questa prospettiva e ne illustra gli aspetti trasformativi e gli ostacoli, prendendo le mosse dalla questione relativa all'opportunit di abbandonare il metodo intergovernativo a vantaggio di una prospettiva di azione comunitaria | L'Indro, 21 settembre 2017
 
Le pieghe del mercato del lavoro
Che lItalia stia vivendo una fase di crescita occupazionale un dato innegabile, e i dati trimestrali diffusi ieri dallIstat lo confermano. Ma interpretarne la natura e la qualit una operazione complessa, anche perch occorre allontanare un po il punto di osservazione ed indagare landamento degli ultimi anni. | Francesco Seghezzi, Bollettino ADAPT, 24 settembre 2017
 
Welfare formato famiglia. Ecco il progetto vincente
Riccardo Prandini - docente di sociologia presso lUniversit di Bologna in vista della Conferenza nazionale della famiglia della prossima settimana, ha messo a punto un documento articolato con almeno sei importanti proposte concrete sulle politiche di welfare | Luciano Moia, Avvenire, 21 settembre 2017
 
Repetita iuvant: non è colpa dei giovani se non si iscrivono all'università
A distanza di pochi mesi da un dibattito praticamente identico, seppure innescato da statistiche diverse, anche nella scorsa settimana si tornato a parlare delle (per alcuni discutibili) scelte universitarie dei giovani italiani, degli scarsi esiti occupazionali dei percorsi di laurea preferiti, dei preoccupanti tassi di abbandono. | Emmanuele Massagli, Bollettino Adapt, 20 settembre 2017
 
Questanno il Fondo per le Non Autosufficienze vale 500 milioni di euro
L'obiettivo del Fondo per le Non Autosufficienze, istituito presso Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali col la legge 296/2006, di assicurare i livelli essenziali delle prestazioni assistenziali per le persone non autosufficienti. Con un decreto di recente approvazione stato definito l'accordo per la ripartizione del Fondo raggiunto in sede di Conferenza Stato Regioni: lo stanziamento per il 2017 sar di oltre 500 milioni di euro.
 
Poveri di serie A e poveri di serie B
Il 29 agosto il Consiglio dei Ministri ha approvato il decreto legislativo di attuazione della legge sul contrasto della povert, ma La strada da percorrere ancora molto lunga: con le attuali risorse, saranno prioritariamente ammessi i nuclei con figli minorenni o disabili, donne in stato di gravidanza o disoccupati ultra-cinquantacinquenni: si coprir cos solo un terzo dei 4 milioni e mezzo di persone che vivono in povert assoluta | Marco De Ponte, Huffington Post, 18 settembre 2017
 
Macron e lEuropa che protegge (i francesi)
Le imprese che inviano i propri lavoratori in un altro Stato Membro dell'Ue per erogare servizi devono versare i contributi sociali nella misura prevista dal Paese di destinazione. Inoltre, gli stessi lavoratori possono essere distaccati per un massimo di 12 mesi. Sono queste le due modifiche chiave che Emmanuel Macron vuole apportare alla nuova Direttiva europea sui lavoratori distaccati, al fine di contrastare il social dumping. Maurizio Ferrera evidenzia le implicazioni e le criticit che la manovra solleva.
 
Uomini, donne, lavoro: come condividere il Tempo (e il reddito)
Immaginiamo di disegnare il nostro Tempo. Una pagina in chiaroscuro attraversata da tre grandi linee che si incrociano, sovrappongono, allontanano, cercandosi. La prima segue il movimento delle donne. La seconda linea rileva quello degli uomini. La terza cerca infine di registrare il mutamento radicale del mercato del lavoro che ogni giorno mette a confronto uomini e donne. Che cosa porteranno questi nuovi tracciati? Se lo chiede Maurizio Ferrera.
 
Ocse: Italia maglia nera per spesa istruzione. Neet un ragazzo su 4
In Italia un ragazzo tra i 15 e i 29 anni su 4 (26%) non occupato o non iscritto a un percorso di formazione (Neet), contro una media Ocse del 14%. Il picco si registra soprattutto in Campania, Calabria e Sicilia, dove Neet pi di un giovane su tre. Peggio dell'Italia per numero di Neet c' solo la Turchia. E' quanto emerge dal rapporto Ocse "Uno sguardo sull'istruzione 2017", diffuso il 12 settembre 2017. | Ansa.it, 12 settembre 2017