Donare, atto primo verso la Welfare society
Il professor Zamagni commenta i risultati dell'Italy Giving Report pubblicati sul numero di Vita di dicembre: «La ripartenza della propensione al dono ha soprattutto una spiegazione culturale: ormai il superamento dell’idea di un welfare state che segue la vita dell’uomo dalla culla alla bara ha fatto capolino in una larga parte della popolazione» | Stefano Zamagni, Vita, 14 dicembre 2017
 
Welfare: in Europa assorbe il 29% del Pil. In Italia soprattutto pensioni: per loro il 58% della spesa
Nel 2015 la spesa per la protezione sociale nella UE si è assestata su una media del 29% del Pil, con un leggero incremento rispetto al 2010 quando la media era del 28,6%.. La voce più importante della protezione sociale è la spesa per le pensioni di vecchiaia che copre in media il 45% del totale | Quotidiano Sanità, 12 dicembre 2017
 
Un modello sociale che il mondo ci invidia
Secondo le ultime stime, in Italia solo il 4% è realmente consapevole di quali siano le iniziative a carattere sociale finanziate direttamente dall'Unione Europea. Per questo, Maurizio Ferrera propone di istituire una "social card" con i colori e simboli europei per avere accesso a tali prestazioni: questo strumento potrebbe poi diventare un simbolo riconoscibile di una comune identità, imperniata su quel "modello sociale europeo" che tutto il mondo ci invidia.
 
Data science per l’impatto sociale
La misurazione dell’impatto sociale è uno dei numerosi settori nei quali i Big data, la tecnologia blockchain e più in generale la data science, promettono di spostare la frontiera delle opportunità oltre i paradigmi di misurazione consolidati, contribuendo in maniera decisiva alla scalabilità delle soluzioni e allo sviluppo del mercato per imprese e investitori. | Mario Calderini, Nòva - Il Sole 24 Ore, 10 dicembre 2017
 
Il fundraising al servizio della lettura
Biblioraising è il progetto con cui Cepell, Anci e Scuola di Roma Fund-Raising hanno portato il fundraising nelle biblioteche. Attraverso un percorso formativo queste realtà hanno supportato bibliotecari, amministratori e volontari nella realizzazioni di funzioni e interventi mirati a implementare le risorse delle biblioteche ed ad avviare nuovi servizi a disposizione della cittadinanza. Una iniziativa che dimostra come anche questi luoghi possano diventare uno snodo del welfare culturale.
 
Tito Boeri: 3,3% il peso della non autosufficienza sul PIL nel 2060
Il presidente dell’Inps Tito Boeri ha recentemente sottolineato quanta strada ci sia ancora da fare in termini di welfare: "Il sistema di protezione sociale presenta infatti lacune vistose, a cominciare dalla non autosufficienza, che nel 2060 stimiamo inciderà sul Pil per il 3,2-3,3%" | Assinews.it, 6 dicembre 2017
 
Il Censis e la politica: welfare e lavoro per uscire dalla crisi
Il 51 Rapporto Censis, pubblicato la scorsa settimana, ha illustrato la tradizionale fotografia delle tendenze socio economiche del nostro Paese, ma tra le pagine dedicate a lavoro e welfare vi sono evidenti discrasie nelle analisi compiute dallo stesso ente di ricerca a pochi mesi di distanza | Alessandra Servidori, Il Diario del Lavoro, 5 dicembre 2017
 
In Italia 4,5 milioni di disabili, pochi servizi e integrazione
Supportati da pochi servizi, mentre il peso dell'assistenza ricade quasi interamente sulle famiglie sempre più in difficoltà, con un livello di istruzione mediamente più basso e grandi ostacoli nel riuscire ad avere un lavoro rispetto alla popolazione generale. Sono queste le condizioni di vita per la gran parte delle persone disabili in Italia, circa 4,5 milioni di cui oltre un terzo vive da solo | La Repubblica, 2 dicembre 2017
 
Katainen: Italia economia più creativa Ue
L'Italia è "l'economia più creativa d'Europa", la sola in grado di produrre un grande valore aggiunto, ma il suo potenziale rischia di rimanere inespresso e il Paese "è meno ricco di quello che potrebbe essere", perché "c'è qualcosa che tiene la crescita permanentemente più bassa della media Ue". Queste le parole di Jyrki Katainen, vicepresidente della Commissione Ue responsabile di crescita e occupazione | Ansa, 29 novembre 2017
 
Opening up to an ERA of Social Innovation: a Lisbona la conferenza europea sul progresso e le eccellenze nella ricerca sociale
Il 27 e 28 novembre Lisbona è stata il teatro della conferenza "Opening up to an Era of Social Innovation", organizzata dalla Commissione Europea, dal governo portoghese e dalla Fondazione Calouste Gulbenkian con l'obiettivo di creare un ambiente proattivo dove discutere e implementare strategie per l’Europa del futuro. In tale contesto il Joint Research Centre dell’Unione Europea ha presentato il frutto di tre anni di ricerca nel campo delle "ICT-Enabled Social Innovations".
 
Bignami, passo storico in Legge di Bilancio: "ora i caregiver familiari sono riconosciuti anche in Italia"
Dopo la battaglia in Commissione Bilancio del Senato, oggi è il giorno del maxi-emendamento alla legge di bilancio 2018, che dovrebbe recepire anche l'emendamento approvato all''unanimità in Commissione e che prevede l'istituzione di un fondo da 20 milioni di euro annui, per ciascuno dei prossimi tre anni, per il sostegno dei caregiver familiari.
 
La manovra conferma il bonus bebé
La proroga del bonus bebè, così come la si sta studiando al Senato, sarà completamente finanziata per il 2018, con coperture pari a 185 milioni di euro, mentre per il 2019 e il 2020 le risorse finora individuate ammontano alla metà circa di quanto inizialmente previsto | Eco di Bergamo, 26 novembre 2017
 
Cosa c'è nel numero 5/2017 di Welfare Oggi
Nel nuovo numero del periodico pubblicato da Maggioli Editore si approfondiscono diversi temi di rilievo in un'ottica di secondo welfare, come la prossimità, l'integrazione socio-sanitaria e l'aggressività nei servizi alla persona. Autorevoli studiosi e professionisti del sociale toccano aspetti significativi di queste materie, proponendo una chiave interpretativa ai fenomeni conosciuti e affrontati da tutti coloro che a vario titolo operano nel mondo del welfare.
 
Pensioni, uno squilibrio (italiano) da 88 miliardi
L’Italia oggi è il Paese dove le pensioni costano di più in Europa (15,7% del reddito nazionale), è fra quelli dove nei fatti si va in pensione prima (62,4 anni) ma è fra quelli che segnano il maggiore calo di spesa entro il 2060 (meno 1,9%). Neanche a quel punto però il sistema sarebbe «in equilibrio» | Federico Fubini, Il Corriere della Sera, 26 novembre 2017
 
Opening up to an ERA of Social Innovation: the Conference About Social Research Progress and Excellency in EU
“Addressing the legacy of the crisis, from long-term unemployment to high levels of public and private debt in many parts of Europe, remains an urgent priority.” These are words from President Juncker in the White Paper on the future of Europe, stressing the importance of social progress as a collective duty. And in this very spirit the European Commission, the Portuguese Government and the Calouste Gulbenkian Foundation joined forces and announced “Opening up to an ERA of Social Innovation” Conference, to be held in Lisbon on 27 and 28 November.
 
Strategie troppo vecchie sul welfare. Copione da riscrivere
In questo editoriale Francesco Riccardi approfondisce le strategie messe in campo da governo e sindacati al tavolo delle politiche pensionistiche. Partendo dal presupposto che legare l'aumento dell'età pensionabile all'aspettativa di vita è necessario per tenere in ordine i conti pubblici, le trattative hanno portato a deroghe per alcune professionisti, risultato apprezzato da Cisl e Uil, ma non dalla Cgil che preannuncia la mobilitazione. Il governo d'altro canto ha evitato la formalizzazione dell'accordo e lasciata aperta l'ipotesi di ulteriori modifiche. | Francesco Riccardi, Avvenire, 22 novembre 2017
 
Welfare famigliare, i maggiori "dispensatori di cure" sono ancora i nonni
La ricerca “I bisogni di welfare delle famiglie con necessità di cura conclamate” promossa da UP Umanapersone, rete composta da 13 cooperative, e Ipsos nella Regione Toscana, ha messo in luce la dimensione informale dell'attività di cura all'interno di famiglie con minori da 0 a 10 anni, disabili e anziani non autosufficienti. Emerge infatti come sia ancora fondamentale il ricorso a figure famigliari come i nonni o a baby sitter e badanti per gestire l'attività di cura; nel caso di queste ultime la ricerca della persona più idonea avviene tramite canali informali come il passaparola. | Stamp Toscana, 21 novembre 2017
 
Welfare, politiche per la salute ed accesso al farmaco. Il 25 novembre al via il Caduceo d'oro
Sabato 25 novembre alle ore 15,30 presso la sala polifunzionale del Quartier Generale della 3^ Regione Aerea a Bari Palese si terrà XIII edizione del Caduceo d’Oro, l’appuntamento annuale organizzato dall’Ordine interprovinciale dei Farmacisti di Bari e Bat che quest'anno ha come tema "Il Welfare negli anni della crisi - Politiche per la salute e accesso al farmaco”. | Quotidiano Sanità, 22 novembre 2017
 
Il lavoro e il welfare diversi dei precari
In questo articolo, Paolo Cacciari propone due nuove ricerche di sociologia sul campo che, pur partendo da finalità diverse e svolte con metodologie differenti, raccontano esperienze attraverso le quali gruppi di persone cercano di dare soluzioni comunitarie ai propri bisogni fondamentali di reddito, di casa, di welfare tentando di mantenersi il più possibile aderenti a principi di solidarietà, reciprocità, socialità | Paolo Cacciari, Comune-Info.net, 19 novembre 2017
 
Censis: la riduzione del welfare genera insicurezza tra gli italiani
Gli italiani sperimentano "un’insicurezza più intensa e diffusa" che "è penetrata profondamente nella quotidianità" e tra le cause di questo fenomeno c’è anche la riduzione delle prestazioni del welfare pubblico. Lo ha affermato Francesco Maietta, responsabile dell’area Politiche sociali del Censis | AgensiSIR.it, 15 novembre 2017