POVERTÀ ALIMENTARE /
"Io non butto": così si combatte lo spreco nei mercati rionali
Redattore Sociale, 7 maggio 2018
13 maggio 2018

Alle ore 13, nei mercati rionali di Milano (e d'Italia), si assiste a una scena: i clienti se ne vanno verso casa, gli ambulanti lasciano a terra le casse di prodotto invendute e numerosi fra anziani e senzatetto rovistano nei rifiuti di giornata. Nel giugno 2017 è partito a Milano e provincia la campagna “Io non butto” del Centro servizi per il volontariato (Ciessevi) di Città Metropolitana: 16 fra associazioni, onlus e microreti di aziende hanno salvato dall'abbandono 123 tonnellate di alimenti e distribuito 246 mila pasti ai più bisognosi. Con un risparmio di oltre 11 mila euro per Regione Lombardia, i cui costi medi di smaltimento sono pari a 90 euro per tonnellata.

L'intero progetto, realizzato in partnership con “Milan center for food law and policy”, si basa sui principi della filiera corta e del chilometro zero: il cibo si recupera in quartiere fra botteghe, catering, negozi, aziende agricole e mercati a cielo aperto, per poi essere distribuito all'interno dello stessa zona attraverso associazioni e onlus medio-piccole che conoscono il territorio e le sue esigenze.


"Io non butto": così si combatte lo spreco nei mercati rionali
Redattore Sociale, 7 maggio 2018