POVERTÁ E INCLUSIONE /
La lotta alla povertà deve andare avanti: l’appello della Cisl
Il Segretario Confederale Cisl responsabile per le Politiche Sociali chiede che la lotta alla povertà non diventi ostaggio dell'instabilità politica
11 dicembre 2016

Da diversi anni nel nostro Paese la povertà è diventata un’emergenza nazionale, un vero flagello soprattutto per il Sud, dove la percentuale di individui in condizioni di indigenza raggiunge il 46,4% contro il 22,8% del Centro ed il 17,3% del Nord. Non si può più andare avanti così e anche in questa fase di crisi post-referendaria le forze politiche devono dare seguito alle prime misure organiche sulla povertà definite dal dimissionario Governo Renzi. Noi, come Cisl, ci siamo rivolti direttamente al presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, affinché ponga davanti al Senato l'urgenza di approvare definitivamente le norme sulla povertà. Chiediamo, cioè, che si affrontino assieme emergenza politico-istituzionale ed emergenza sociale.

Sembrava che finalmente si potesse avviare un efficace Piano nazionale di lotta alla povertà e all'esclusione sociale con l'introduzione dal prossimo anno di un sostegno minimo al reddito, connesso a un percorso di inclusione socio-lavorativa per i beneficiari. Invece, la crisi politica nella quale stiamo entrando rischia di trascinarci nuovamente indietro nel tempo, travolgendo quanto di buono era stato faticosamente conquistato. Il Ddl delega, approvato lo scorso luglio dalla Camera, potrebbe rimanere bloccato al Senato e non avere, domani, un Governo in grado di completarne i decreti delegati.

Senza un Piano adeguato anche i fondi provenienti dall'Europa, a sostegno dei servizi, potrebbero, data la loro natura temporanea, non essere reiterati. La politica, almeno su questo tema, dovrebbe lasciare da parte le contrapposizioni e cooperare nell'interesse del Paese. I governi che si sono succeduti dall'inizio della crisi economica (Berlusconi, Monti e Letta) avevano sottovalutato il problema "povertà", affrontandolo solo con misure tampone, frammentarie e insufficienti (si pensi, per esempio, alla Social Card tradizionale).

Negli ultimi due anni però qualcosa è cambiato. Si è creata tra i sindacati e le organizzazioni sociali e del Terzo settore una vasta "Alleanza contro la povertà", con la Cisl in prima linea, che ha elaborato quella proposta di Reddito d'inclusione sociale (Reis) per tutti i poveri assoluti, accompagnato da un percorso di reinserimento socio-lavorativo con adeguati servizi alla persona. Tale proposta è stata portata più volte all'attenzione del Governo Renzi e del Parlamento ed è tutt'ora considerata come una delle più valide sul campo. Finalmente si è generato un processo virtuoso che ha portato a scelte innovative da parte governativa, con la creazione di un Fondo strutturale per finanziare la lotta alla povertà e all'esclusione sociale (un miliardo di euro all'anno) nella scorsa Legge di Stabilità cui è seguita poi la presentazione in Parlamento dell'ormai noto Disegno di legge delega.


L'"Alleanza contro la povertà" su nostra proposta, aveva già pronto un emendamento alla Legge di bilancio all'esame del Senato, con largo consenso, che avrebbe potenziato le risorse per il contrasto alla povertà già dal 2017, veicolandole verso i servizi di inclusione proprio perché questi necessitano di sostegni strutturali soprattutto nelle aree più fragili del Paese. Ora non sappiamo che fine farà tutto ciò. Ci auguriamo, almeno, che l'iter venga completato, e che la stessa priorità data alla legge elettorale il Parlamento la riservi anche ai provvedimenti pronti da tempo per il contrasto a povertà ed esclusione sociale. Questo sarebbe certamente un segnale giusto e puntuale per riavvicinare le istituzioni al Paese reale che soffre. 

 


Ddl povertà: siamo su un binario morto?

Il disegno di legge delega per il contrasto alla povertà: stato dell’arte e prospettive

Sostegno per l’Inclusione Attiva: a che punto siamo?

Rapporto Caritas 2016: giovani e migranti sono le questioni più urgenti per l'Italia

La condizione sociale peggiora ancora: in Italia 4,6 milioni di persone in povertà assoluta

Alleanza contro la povertà: è ora di completare la riforma
 
NON compilare questo campo