Negli integrativi la ricetta anti-crisi
Negli integrativi la ricetta anti-crisi | Cristina Casadei, Il Sole 24 Ore, 18 agosto 2015
 
Jobs Act: cosa cambia davvero per le donne? Una prima valutazione dei sindacati
Il decreto attuativo del Jobs Act che disciplina le misure per la conciliazione delle esigenze di cura, vita e lavoro è entrato in vigore il 25 giugno 2015. Le principali novità del decreto riguardano la disciplina dei congedi, i tempi di fruibilità e le categorie di lavoratori coinvolti. Ma a fronte delle nuove disposizioni per le donne è cambiato qualcosa? Ecco cosa ne pensano i principali sindacati italiani.
 
Maternità e paternità, cosa cambia con il Jobs Act
Ai blocchi di partenza il decreto 187. Nei giorni scorsi la Cgil, insieme all'Inca, ha partecipato alle audizioni che si sono svolte presso il Senato sul decreto 187 di prossima pubblicazione, sui temi della conciliazione dei tempi di vita, cura e l...
 
I sindacati in Europa e i pericoli (non visti)
Tempi difficili per il sindacalismo europeo: gli iscritti calano, la capacità di incidere sulle decisioni dei governi è diminuita, il raggio della contrattazione collettiva si è ristretto, sia in termini di contenuti che di imprese coinvolte. Inoltre, i sondaggi ci dicono che buona parte dei lavoratori europei pensano che i sindacati siano utili in linea di principio, ma non hanno fiducia nelle organizzazioni esistenti. Di fronte a questi fattori appare evidente come il «corporativismo competitivo» vada superato, ma perché questo avvenga occorre una approfondita riflessione fra i sindacati del Nord e quelli del Sud Europa.
 
Jobs Act e conciliazione famiglia-lavoro: le proposte della CISL
La Cisl ha sviluppato un documento per riflettere sulle misure legate a maternità e conciliazione famiglia-lavoro che saranno adottate attraverso il Jobs Act. Il sindacato negli ultimi anni ha infatti prestato particolare attenzione verso le tante istanze provenienti da lavoratori e lavoratrici con carichi di cura, che sono state raccolte dai delegati e dagli sportelli maternità/paternità/disabilità del Patronato Inas. I tre interventi ritenuti prioritari, che non comporterebbero oneri aggiuntivi per le finanze pubbliche, riguardano l'estensione del congedo parentale, il godimento frazionato di quest'ultimo, la piena compatibilità tra i diversi istituti volti a tutelare i vari aspetti di cura dei lavoratori.
 
Lombardia: accordo per consolidare il servizio NUE 112
La Direzione dell’Agenzia Regionale per l'Emergenza Urgenza (AREU) e le Organizzazioni sindacali confederali e di categoria CGIL CISL UIL Lombardia nel settembre scorso hanno sottoscritto un accordo quadro per l'estensione in Lombardia del servizio NUE 112 - Numero Unico di Emergenza. L'intesa porta a compimento il progetto di politica attiva intrapreso in Regione a partire dal 2012, che ha consentito l'impiego di lavoratori e lavoratrici in cassa integrazione guadagni straordinaria e mobilità nelle attività delle centrali dopo un percorso di riqualificazione.
 
La prima prova (italiana) della cogestione
Nel nostro Paese, a dispetto dell'articolo 46 della Costituzione che ne auspica la promozione, la partecipazione economica dei lavoratori nelle imprese è stata vista con sospetto sin dagli albori della Repubblica. Ma mentre la Cisl a partire dagli anni Novanta ha fatto della partecipazione finanziaria dei lavoratori una parte integrante della propria strategia, sia nell'arena delle relazioni industriali che in sede di concertazione con il governo, la Cgil appare ancora oggi diffidente nei confronti di esperienze di "democrazia economica".
 
Confindustria, Cgil, Cisl e Uil trovano l'accordo sulla rappresentanza sindacale in azienda
Cgil, Cisl e Uil e Confindustria hanno raggiunto l'accordo sulla rappresentanza e la democrazia sindacale. I leader dei sindacati Susanna Camusso, Raffaele Bonanni, Luigi Angeletti ed il presidente degli industriali, Giorgio Squinzi, hanno siglato l'intesa dopo 4 ore di confronto. L'intesa era attesa da decenni e segna la fine degli accordi separati tra sindacati e Confindustria: con la firma si stabiliscono nuove regole per misurare la rappresentatività delle varie organizzazioni sindacali e per dare certezza agli accordi.
 
FeLSA CISL e l'impegno per i giovani in cerca di lavoro
In un momento drammatico come quello attuale sono tante le forze sociali che, volenti o nolenti, sono chiamate a rinnovarsi per rispondere coerentemente ai nuovi rischi e bisogni che interessano i cittadini italiani. Tra di esse i sindacati che, consci delle difficoltà che interessano anche e soprattutto il mondo del lavoro, hanno iniziato a mettersi in discussione e stanno progressivamente sviluppando misure innovative per supportare chi si trova in difficoltà. La Cisl di Milano, ad esempio, ha recentemente aperto uno sportello che supporta i giovani che per la prima volta si affacciano sul mercato del lavoro.
 
Il Progetto NUE 112: un’opportunità anche sotto il profilo occupazionale
A partire dal mese di ottobre scorso in Regione Lombardia, dopo una prima sperimentazione a Varese, è stato avviato il percorso per la diffusione sul territorio lombardo di un'organizzazione del soccorso basata su di un numero unico per tutte le tipologie di emergenza, il 112, come già in uso in gran parte d'Europa. Il Progetto NUE 112 rappresenta un positivo esempio di azione congiunta e sinergica tra istituzioni, enti regionali e provinciali e parti sociali che, in un percorso innovativo di qualificazione del servizio pubblico, ha permesso anche di sostenere azioni concrete di politica attiva di riqualificazione professionale.
 
Dal salario al welfare: intervista a Pier Giorgio Caprioli di Cisl Lombardia
Complice la crisi diminuiscono i contratti aziendali sul salario e aumentano quelli che si occupano di welfare che, tra il 2010 e il 2011, sono aumentati del 60%. Restringendosi le risorse a disposizione si è infatti passati dal rivendicare il salario a rivendicare miglioramenti normativi con effetti indiretti sui salari stessi, ma non senza resistenze da parte di molti lavoratori restii ad accettare benefici che riguardano soltanto chi ne ha bisogno. Un tema complesso che Pier Giorgio Caprioli, responsabile dell'Osservatorio Contrattazione di Cisl Lombardia, ha affrontato tenendo conto dei numerosi fattori in gioco.
 
Non è facile dire crescita
A distanza di pochi giorni l’una dall’altra, Confindustria e Cgil sono entrate ufficialmente nel dibattito elettorale presentando le loro «agende» su crescita e occupazione. Si tratta di una buona notizia, per almeno due ragioni. | Maurizio Ferrera, Corriere della Sera, 26 gennaio 2013
 
Un sindacato al lavoro, per il lavoro
Possiamo fare un bilancio dell'anno appena concluso? Cosa ha fatto e cosa invece potrà fare nel 2013 il sindacato per i giovani italiani? Ci ha risposto Daniel Zanda, Segretario Generale della FeLSA – Federazione Lavoratori Somministrati Autonomi ed Atipici CISL Lombardia.
 
Festival delle generazioni: facciamo un bilancio?
Il Festival delle Generazioni, la tre giorni di incontri organizzata a Firenze dalla Federazione Nazionale Pensionati Cisl con la S3.Studium per affrontare la questione inter-generazionale, si è svolto nel fine settimana del 12-14 ottobre con un denso programma di eventi informativi, culturali e di svago in diversi luoghi della città. Paola Gilardoni, Segretario USR CISL Lombardia e "giovane" dell'organizzazione, ci ha dato le sue impressioni sul Festival e ci ha raccontato come vede le prospettive del sindacato per il prossimo futuro.
 
Festival delle Generazioni: l'intervista a Valeriano Formis
Il panorama delineato dallo studio “Generazioni. Giovani e anziani nel 2020” evidenzia certamente l’opportunità di un momento di incontro e dialogo tra le generazioni, e al tempo stesso introduce la necessità di una seria riflessione circa il futuro dell’organizzazione e il suo compito di rappresentanza. Abbiamo chiesto a Valeriano Formis, Segretario Generale Pensionati della Cisl lombarda, un bilancio a caldo rispetto all’iniziativa, e un commento sulle conclusioni dello studio presentato durante i lavori.
 
Cisl: industria, in fumo 675mila posti di lavoro
Il nono Rapporto Industria della Cisl, «Fare sistema per rilanciare l'industria e la crescita», presenta dati decisamente sconfortanti riguardanti il nostro sistema industriale. Redazione Online, Corriere della Sera, 23 luglio 2012
 
Petteni (Cisl): pubblico-privato, ecco il “mix” che serve alla Lombardia
Gigi Petteni, segretario generale di Cisl Lombardia, in un'intervista a www.ilsussidairio.net spiega quale welfare mix serve alla Lombardia, sottolinenado rischi e opportunità derivanti dalla collaborazione tra pubblico e privato in tema di we...
 
Invecchiamento demografico e rapporto tra generazioni
L’invecchiamento demografico è un fenomeno tanto rilevante quanto ormai diffuso nelle nostre società. Un problema sempre più discusso dagli esperti, e vissuto con preoccupazione dalle famiglie. In Italia, i protagonisti del secondo welfare sono da tempo impegnati nella ricerca di risposte al problema dell’invecchiamento e della non autosufficienza, ma anche nella discussione circa il ruolo degli anziani nella società e il rapporto tra generazioni.
 
Cgil contro Poste Italiane: non riconoscete il premio di produzione alle donne in gravidanza
Missiva al ministro Fornero: «Revochi loro il bollino rosa, con questa firma equiparano la maternità a una malattia» [...] Non si è fatta attendere la replica di Poste Italiane che in una nota ha spiegato come «con l'a...
 
Metalmeccanici: nel contratto più diritti e salario
I sindacati dei metalmeccanici hanno avanzato la propria proposta di rinnovo del contratto collettivo per il triennio 2013-2015. Tra le richieste un aumento salariale medio di 150 euro, ma anche l'ipotesi di introdurre frome di welfare integrativo, i...
 

 
Pagina 1 2 3