GOVERNI LOCALI / Regioni
Premio ER.RSI “Innovatori Responsabili: le imprese dell’Emilia-Romagna per gli obiettivi dell’Agenda ONU 2030”
In palio finanziamenti a fondo perduto per imprese e start-up
23 settembre 2016

Con lo scopo di promuovere la cultura della responsabilità sociale d’impresa, la Regione Emilia-Romagna ha dato il via alla seconda edizione del premio ER.RSI sul tema “Innovatori Responsabili: le imprese dell’Emilia-Romagna per gli obiettivi dell’Agenda ONU 2030”, un concorso volto a premiare le esperienze significative di responsabilità sociale e innovazione responsabile promosse dalle imprese sul territorio regionale.

Il concorso è suddiviso in due sezioni: una sezione ordinaria, rivolta alle imprese in forma singola costituite prima del 1 gennaio 2013, o riunite in Associazioni no profit, Consorzi e reti formalizzate tra imprese della Regione Emilia-Romagna; una sezione start-up innovative, riservata alle imprese in forma singola, costituite dopo il 1 gennaio 2013, e che al momento di presentazione della domanda risultino iscritte alla sezione speciale start-up innovativa del registro imprese.

Per partecipare al concorso, i progetti dovranno essere attivi da almeno 12 mesi dalla data di presentazione della domanda di partecipazione e dovranno riguardare le seguenti aree tematiche:

  1. l’impresa e la scuola: i giovani protagonisti di uno sviluppo sostenibile;
  2. l’impresa per la crescita e l’occupazione: duratura, inclusiva e sostenibile;
  3. l’impresa per l’ambiente: risorse, clima, ecosistemi;
  4. l’impresa per la qualità della vita: persona e comunità.

I soggetti interessati possono inviare alla Regione Emilia-Romagna la propria candidatura entro il 10 ottobre 2016 (esclusivamente mediante posta elettronica certificata all'indirizzo industria-pmi@postacert.regione.emilia-romagna.it).

La valutazione dei progetti è affidata ad un esperto Comitato di valutazione, che terrà conto dei criteri stabiliti dal bando del progetto. Il Comitato premierà 15 progetti, di cui 12 selezionati per la “sezione ordinaria” (corrispondenti ai primi tre classificati per ciascuna area tematica) e 3 sele-zionati per la “sezione start-up innovative” (corrispondenti ai primi tre classificati tra tutte le candidature pervenute per questa sezione).

Inoltre, i primi classificati in ciascuna delle 4 aree tematiche della “sezione ordinaria” e il primo classificato della “sezione start-up innovative” riceveranno un’agevolazione a fondo perduto – fino ad un importo massimo di 10.000 euro – per lo sviluppo di nuove azioni di innovazione re-sponsabile e sviluppo sostenibile nel corso del 2017.

Per maggiori informazioni riguardo i criteri di partecipazione si rimanda al testo del bando

#ASviS

#SviluppoSostenibile

 


ASviS, serve una Legge di Stabilità coerente con gli impegni di sviluppo sostenibile

Responsabilità Sociale d’Impresa in Piemonte: l’intesa tra Regione e Unioncamere

Responsabilità sociale d’impresa, tra definizioni e policy europee
 
NON compilare questo campo