GOVERNI LOCALI / Enti locali
WeMi: a Milano quattro nuovi spazi per dare corpo al welfare comunitario
Nel corso del mese di gennaio programmate numerose iniziative per far scoprire ai milanesi che in città il welfare può essere di tutti
08 gennaio 2018

Nel 2015 il Comune di Milano ha lanciato Welfare di tutti”, progetto di welfare comunitario co-finanziato grazie alla prima edizione del bando "Welfare in Azione" di Fondazione Cariplo. Attraverso questa iniziativa Palazzo Marino mirava a ridisegnare un sistema di welfare cittadino che permettesse di usare meglio le risorse pubbliche e private presenti sul territorio, e fosse in grado di mettere maggiormente in sinergia cittadini, organizzazioni del Terzo Settore e Pubblica Amministrazione.

Un elemento cruciale del progetto è stato sicuramente lo sviluppo di WeMi, un portale online - diventato pienamente operativo a inizio 2017 - attraverso cui il Comune offre a tutti i cittadini informazioni e servizi per rispondere a diversi bisogni di welfare: dall’assistenza domiciliare tradizionale dedicata a persone anziane non autosufficienti, persone con disabilità e bambini, al benessere e cura della persona e della famiglia.

In un’ottica di “contaminazione” del territorio cittadino, a fianco della dimensione virtuale, il progetto "Welfare di tutti" si è posto l’obiettivo di aprire anche alcune piattaforme territoriali, gli "Spazi WeMi". Si tratta di punti di ascolto, orientamento, incontro e sperimentazione dove i cittadini possono trovare soluzioni ai propri bisogni grazie a operatori specializzati che li guidano attraverso l'offerta dei servizi realizzati dalle organizzazioni del Terzo Settore accreditate dall'assessorato alle Politiche Sociali. 

Nel corso del 2017 sono nati tre Spazi –  SanGottardo, Capuana e Trivulzio – a cui se ora se ne aggiungono altri quattro. A gennaio, infatti, apriranno i battenti gli spazi Stelline, Loreto, Venini e Voltri. Nel corso del mese in tutti gli Spazi WeMi si svolgeranno diverse iniziative per far scoprire a milanesi che il sistema del welfare a Milano può essere davvero di tutti: laboratori creativi per bambini, corsi di informatica e ginnastica dolce per anziani, incontri di sostegno per familiari di persone non autosufficienti, seminari di Economia Personale e molto altro. Ve li segnaliamo di seguito.


WeMi Stelline

Inaugurato nello storico Palazzo delle Stelline, in corso Magenta 63, nel centro cittadino, presso la sede della cooperativa Punto Service. Presso WeMi Stelline da martedì 9 gennaio partirà un nuovo corso gratuito di Economia Personale, rivolto ai cittadini che desiderano migliorare la gestione delle risorse e pianificare il proprio futuro economico. Sabato 13 e 27 gennaio si svolgeranno due incontri gratuiti dedicati al tema dell’assistenza al famigliare anziano. Mentre sabato 13 gennaio si terrà la prima lezione di prova del corso di scacchi per nonni e bambini. Clicca qui per maggiori info.

WeMi Loreto

Operativo presso la sede della Cooperativa Nuovi Orizzonti, in via Sabaudia 8. Venerdì 12 gennaio WeMi Loreto presenterà “Infermiere di condominio”, un nuovo progetto socio-sanitario sperimentale che offre un servizio innovativo e integrativo a quelli già presenti sul territorio. Mercoledì 17 e mercoledì 24 gennaio una psicologa incontrerà i genitori per aiutare a riconoscere e prevenire il fenomeno del bullismo. Clicca qui per maggiori info.

WeMi Venini

Nel cuore del quartiere NoLo, in via Venini 83, presso Hug Milano la Cooperativa Comin inaugura un bistrot (con sede in una ex fabbrica di cioccolato) che vuole essere un luogo polifunzionale di condivisione e socialità. Venerdì 12 gennaio dalle ore 17 si svolgerà la festa di inaugurazione ufficiale. Martedì 9 gennaio si terrà invece un incontro per genitori con ragazzi preadolescenti con l'obiettivo di migliorare le relazioni con i figli in questa età delicata; venerdì 12 gennaio in programma attività per anziani (ginnastica dolce e laboratorio creativo); il 12 e 13 gennaio si svolgeranno laboratori di musica e di pittura per ragazzi. Clicca qui per maggiori info.

WeMi Voltri 

Nel cuore della Barona, in via Di Rudinì 18 presso Vivi Voltri Lab, è aperto questo spazio che fa parte della rete di Milano Sei l'Altro ed è gestito dalla Cooperativa Spazio Aperto Servizi. Inaugurazione ufficiale mercoledì 10 gennaio, alle 16, con attività per bambini e ragazzi. Venerdì 12 gennaio iniziativa dedicata alle mamme e alle donne del quartiere. Lunedì 15 gennaio, lezione gratuita di Tap Dance per bambini e ragazzi. Clicca qui per maggiori info.

Da WeMi SanGottardo 

Ha sede presso Rab, il caffè letterario in corso San Gottardo 41. Martedì 9 gennaio, alle ore 18, è in programma l'incontro per genitori "Sopravvivere ai litigi dei bambini - come gestire in modo costruttivo scontri e conflitti"; venerdì 12 gennaio, ore 10, evento di presentazione dei servizi domiciliari dello sportello WeMi SanGottardo. Previsti anche due incontri di Pet Therapy: per gli anziani mercoledì 10 gennaio, alle ore 10, e per i bambini venerdì 12 gennaio, alle ore 16.30.

WeMi Capuana 

Presso lo Spazio Agorà, a Quarto Oggiaro, in via Capuana 7. Organizza per sabato 13 gennaio, dalle 10 alle 12, una lettura animata con laboratorio creativo per bambini da 0 a 5 anni.

WeMi Trivulzio,

Questo spazio, gestito dalla Cooperativa Eureka, si trova all'interno del Pio Albergo Trivulzio, in via Trivulzio 15. Mercoledì 10 gennaio, alle ore 14.30, organizza un incontro dedicato alle badanti: un momento di confronto sul lavoro di cura delle persone non autosufficienti; venerdì 12 Gennaio, per tutta la giornata, ci sarà la possibilità di avere informazioni sui corsi gratuiti di Economia Personale.
 

 


Welfare di tutti: ecco come cambierà la domiciliarità a Milano

Empowerment femminile e welfare aziendale: il progetto Truck CuCù - Cucine & Culture

Welfare in Azione: il vento rivoluzionario di Fondazione Cariplo continuerà a soffiare

Milano: con la "Bebè Card" si rafforza il reddito di maternità

Tajani: il futuro di Milano passa da innovazioni capaci di creare inclusione

Milano Smart City: il Libro Bianco di Palazzo Marino sull’innovazione sociale
 
NON compilare questo campo