GOVERNI LOCALI / Enti locali
Progetto AxTo, il bando del Comune di Torino per rigenerare le aree periferiche
Entro il 29 settembre è possibile partecipare alla call promossa dal Comune di Torino per riqualificare le zone periferiche della città
23 settembre 2017

Il Comune di Torino ha lanciato il "Bando pubblico per l'assegnazione di contributi per progetti innnovativi in ambito sociale e culturali finalizzati alla rigenerazione urbana di aree periferiche", volto ad individuare proposte per la riqualificazione di alcune aree urbane della città. Gli interessati potranno presentare il loro progetto entro il 29 settembre 2017.

L'obiettivo è quello di selezionare e co-finanziare progetti innovativi in ambito sociale e culturale finalizzati a sollecitare e generare riqualificazione fisico-funzionale e rivitalizzazione socio-economica di ambiti cittadini segnati oggi da fenomeni di degrado, abbandono, carenza di servizi, marginalità, creando cultura, integrazione, inclusione sociale, aggregazione, coesione e collaborazione civica. Il bando è aperto ad associazioni, comitati e soggetti no profit con sede sul territorio comunale, che possono partecipare singolarmente o in partenariato. In totale è previsto un finanziamento complessivo pari a 1.000.000 euro.

L’azione promossa dall’Amministrazione comunale rientra nel piano AxTO, presentato dalla Città e finanziato dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri nell’ambito del “Programma straordinario di intervento per la riqualificazione urbana e la sicurezza delle periferie”.


Riferimenti

Il testo del bando
La relazione generale del progetto AxTo, azioni per le periferie torinesi 

 


Riqualificare le zone periferiche con il cinema itinerante: il progetto Movie Rider 2017

Agenda per lo sviluppo urbano, aperta la consultazione pubblica

Bando alle periferie: il progetto del Comune di Milano per la rigenerazione urbana

Come sviluppare nuove governance dello spazio pubblico? Partite le GdB2016

Periferie al centro: spazi ed eventi per nuovi legami comunitari

Torino: Comune e Chiesa insieme per affrontare i bisogni della città
 
NON compilare questo campo