Chiara Agostini

Dottore di ricerca in Analisi delle Politiche Pubbliche, ha lavorato come assegnista di ricerca per
l'Università di Roma La Sapienza, L'Università di Bologna e L'Università degli Studi di Milano. E'
stata Visiting Scholar presso l'Institute of Governmental Studies, Università della California - Berkeley
e l'European Social Observatory di Bruxelles. I suoi principali interessi di ricerca sono l’analisi
comparata delle politiche di istruzione e di welfare e la governance europea negli stessi settori.

Vai al profilo completo di Chiara Agostini

 
L'Alleanza contro la povertà al nuovo Governo: proseguire il lavoro avviato con il Reddito di Inclusione
L'Alleanza contro la povertà in Italia chiede al nuovo Governo di proseguire il lavoro iniziato con l'introduzione del Reddito di Inclusione (Rei), al fine di dotare il nostro Paese di una misura di contrasto alla povertà assoluta che sia universale e adeguata, quindi in grado di migliorare effettivamente le condizioni dei beneficiari. In particolare, con un documento diffuso lo scorso 6 giugno, l'Alleanza ha lanciato una serie di proposte concrete per rafforzare il REI. In questo articolo le vediamo nel dettaglio.
 
Una cabina di regia per contrastare la povertà: la proposta dell'Alleanza contro la povertà in Lombardia
In occasione del convegno "Costruiamo reti per l'inclusione" realizzato a Milano lo scorso 31 maggio, l'Alleanza contro la povertà in Lombardia ha lanciato la proposta di istituire una cabina di regia regionale per contrastare la povertà. In particolare, l'Alleanza chiede a Regione Lombardia, da un lato, di essere coinvolta in maniera strutturale nella definizione del Piano regionale contro la povertà e, dall'altro, di stanziare risorse aggiuntive rispetto a quelle derivanti dai fondi nazionali.
 
Al via il Reddito di Inclusione universalistico
La legge di bilancio 2018 ha modificato il Reddito di Inclusione in senso universalistico prevedendo la decadenza di tutti i requisiti di accesso riguardanti le caratteristiche del nucleo familiare. L'abrogazione dei requisiti familiari decorrerà dal 1° luglio 2018 ma, poiché il REI è fruibile dal mese successivo a quello della richiesta, riguarderanno tutte le domande presentate a partire dal 1° giugno 2018.
 
Housing sociale e solidarietà intergenerazionale: l'esperienza della Casa di zia Jessy
"A Casa di Zia Jessy" è un'esperienza di housing sociale centrata sull'inter-generazionalità, ovvero sulla combinazione e lo scambio di servizi fra persone di diverse fasce d’età che vivono all'interno dello stesso condominio solidale. Ne abbiamo discusso con Elisa Saggiorato e Katiuscia Greganti responsabili del "Programma Housing", grazie al quale Compagnia di San Paolo sostiene il progetto.
 
L'esperienza di Sanifonds: intervista al direttore del fondo territoriale trentino
A differenza dei fondi tradizionali che si rivolgono a categorie specifiche di lavoratori, i fondi territoriali sono aperti a tutti i soggetti che insistono su un determinato territorio. Dei vantaggi e dei limiti di fondi di questo tipo abbiamo discusso con Alessio Scopa, Direttore Generale di Sanifonds, un fondo sanitario integrativo di natura territoriale nato in Trentino nel 2013.
 
Reddito di inclusione: il bilancio dell'Inps sul primo trimestre di attività
Il 28 marzo l'INPS ha presentato il primo "Osservatorio statistico sul Reddito di Inclusione" contenente i dati relativi alle domande di accesso al REI pervenute nel primo trimestre del 2018. L'Osservatorio ha lo scopo di fornire informazioni sui nuclei familiari che finora hanno beneficiato del REI: oltre 250.000 famiglie per quasi 900.000 persone. In questo articolo presentiamo i principali dati.
 
REI: al via il piano per il rafforzamento dei servizi
La Rete della protezione e dell'inclusione sociale ha approvato il primo "Piano per gli interventi e i servizi sociali di contrasto alla povertà", lo strumento programmatico per il rafforzamento degli interventi e dei servizi rivolti ai beneficiari REI. Nelle prossime settimane, la Conferenza Unificata dovrà approvare il piano in via definitiva e questo aprirà la strada ai successivi piani regionali. Il piano rende per la prima volta operativi i livelli essenziali di assistenza in campo sociale.
 
In Sicilia nasce l'Alleanza regionale contro la povertà
La Sicilia è la seconda regione in Italia, dopo la Lombardia, in cui è stata formalizzata la costituzione dell'Alleanza contro la povertà a livello regionale. L'obiettivo di questa nuova organizzazione è costruire un dialogo con l'amministrazione regionale e con gli Enti Locali finalizzato a delineare un Piano regionale contro la povertà che consenta la piena e corretta attivazione del REI, cioè il Reddito d'Inclusione.
 
Assegno unico provinciale: a Trento un nuovo strumento a sostegno delle famiglie trentine
L'Assegno unico, introdotto nella Provincia autonoma di Trento alla fine del 2016 e diventato operativo lo scorso 1 gennaio, rappresenta uno strumento innovativo che mira riunificare e sistematizzare misure preesistenti e rivolte a persone e famiglie in difficoltà economica, alle famiglie con minori e ai disabili. In questo articolo analizziamo le principali caratteristiche di questo strumento e ne evidenziamo i punti di forza.
 
Povertà educativa: la nuova fotografia territoriale di "Con i Bambini"
L'impresa sociale "Con i bambini" ha pubblicato un rapporto sulla povertà educativa minorile in Italia curato da DEPP Srl - Data, Engagement, Platforms, Politics. Si tratta del primo di una serie di ricerche che questa impresa sociale intende pubblicare e che permetteranno di fotografare la povertà educativa minorile nel nostro Paese attraverso indicatori inediti.
 
Povertà minorile: presentato il rapporto di SRM e Fondazione Banco di Napoli
È stato presentato a Roma il volume "La povertà minorile ed educativa. Dinamiche territoriali, politiche di contrasto, esperienze sul campo" pubblicato dalla Fondazione Banco di Napoli e dal Centro "Studi e ricerche per il Mezzogiorno" (SRM), con il supporto della Compagnia di San Paolo e il contributo scientifico della rete dei "Quaderni di Economia Sociale". In questo articolo presentiamo brevemente i contenuti del volume.
 
Il Bando povertà della Fondazione Cariverona: intervista a Marta Cenzi
La Fondazione Cariverona ha pubblicato il nuovo "Bando Povertà". Questo bando annuale mira a prevenire e contrastare il disagio economico e la marginalità. Con Marta Cenzi (Responsabile dell’area "Attività istituzionale" di Cariverona) abbiamo discusso i contenuti del bando e le aspettative della Fondazione. In linea con le precedenti edizioni, ma in maniera più incisiva rispetto al passato, il bando 2018 si propone a rafforzare la progettazione di rete.
 
Il contrasto alla povertà in Lombardia: il passaggio dal SIA al REI e le sfide da affrontare
Vi raccontiamo cosa è successo nel corso dell'incontro "Il contrasto alla povertà in Lombardia: la sfida delle politiche di inclusione", dove si è discusso dei risultati raggiunti nel contrasto alla povertà, delle sfide che la Lombardia deve affrontare per la piena attuazione del REI e dei risultati della ricerca condotta dall’Alleanza contro la povertà sull’implementazione del SIA.
 
Reddito di Inclusione: Bene Comune dedica un intero numero alla misura di contrasto alla povertà
La rivista on-line "Bene Comune", promossa dalle Acli nazionali, ha dedicato il numero 12/2007 al Reddito di Inclusione, la misura di contrasto alla povertà operativa in Italia dall'inizio del mese di Gennaio. In questo articolo presentiamo sinteticamente i principali contenuti di questo interessante numero.
 
Il Reddito di inclusione diventa universalistico
Ancor prima che la misura diventasse operativa, la legge di bilancio 2018 ha modificato, ampliando la platea dei beneficiari e incrementando le risorse da destinare alle famiglie numerose, il Reddito di Inclusione (REI). La novità più rilevante riguarda l'estensione, in chiave universalistica, della misura. Dal prossimo luglio infatti i requisiti relativi alle caratteristiche del nucleo richiedente decadranno.
 
La Legge di Bilancio conferma il sostegno pubblico alle Fondazioni di origine bancaria
La Legge di Bilancio 2018 ha rinnovato l'impegno dello Stato a sostegno delle Fondazioni di origine bancaria (Fob) che investono risorse a favore del welfare locale: di un intervento che riconosce il ruolo di queste istituzioni per lo sviluppo locale, in particolare attraverso interventi a carattere sociale sui loro territori operativi. La modalità scelta per garantire questo genere di supporto ricorda alcune delle scelte fatte per il "Fondo per il contrasto alla povertà educativa" istituito con la Legge di Stabilità 2015.
 
Il contributo delle Fondazioni di origine bancaria al contrasto alla povertà
OTTAVO CAPITOLO - Le Fondazioni di origine bancaria sono sempre state attori fondamentali del secondo welfare nella promozione dell'inclusione sociale, ma il loro impegno è cresciuto significativamente a fronte della crisi socio-economica del 2008. Il capitolo di Chiara Agostini e Elisabetta Cibinel si propone di approfondire il ruolo giocato da queste realtà nel contrastare la povertà e l'esclusione sociale in Italia attraverso un'indagine realizzata coinvolgendo otto delle prime dieci Fob italiane per patrimonio.
 
Secondo welfare e lotta alla povertà. Un'arena di policy sempre più articolata
SETTIMO CAPITOLO - Gli ultimi due anni sono stati caratterizzati da un rinnovato impegno dell'attore pubblico nel campo della lotta alla povertà. Chiara Agostini analizza il contributo del secondo welfare alla definizione della politica nazionale di contrasto all'indigenza, ponendo particolare attenzione alle dinamiche di policy che hanno portato allo sviluppo del Reddito di inclusione e del Fondo nazionale per il contrasto della povertà educativa minorile.
 
Le azioni di contrasto alla povertà della Fondazione Cariplo
Le Fondazioni di origine bancaria negli ultimi anni hanno assunto un ruolo sempre più importante nella tutela di chi si trova in situazioni di povertà, fragilità ed indigenza. Per questo Percorsi di secondo welfare, in vista del Terzo Rapporto sul secondo welfare in Italia, ha scelto di avviare alcuni approfondimenti sulle azioni messe in campo dalle FOB in materia di lotta alla povertà e all'esclusione sociale. Nell'ultimo approfondimento andiamo ad analizzare il contributo offerto dalla Fondazione Cariplo.
 
Le azioni di contrasto alla povertà della Fondazione Cariparo
Le Fondazioni di origine bancaria negli ultimi anni hanno assunto un ruolo sempre più importante nella tutela di chi si trova in situazioni di povertà, fragilità ed indigenza. Per questo Percorsi di secondo welfare, in vista del Terzo Rapporto sul secondo welfare in Italia, ha scelto di avviare alcuni approfondimenti sulle azioni messe in campo dalle FOB in materia di lotta alla povertà e all'esclusione sociale. Nel settimo approfondimento andiamo ad analizzare il contributo offerto dalla Fondazione Cariparo.
 
 
Pagina 1 2 3 4 5 6 7